Berlino, rogo al centro commerciale del sushi: nube tossica rientrata ma "finestre chiuse"

12 maggio 2016 ore 10:45, Lucia Bigozzi
Fiamme nel centro commerciale. Detto così, potrebbe essere la trama di un film ad alto tasso di ansia, purtroppo è quello che è accaduto a Berlino, in un grande mall asiatico. Incendio che per dimensioni, ha fatto scattare l’allarme anche sul versante della salute pubblica. Infatti, per alcune ore, vigili del fuoco e autorità locali hanno temuto che da quel rogo potesse sprigionarsi una nube tossica. Il timore maggiore era concentrato sulle sostanze chimiche, tipo smalti o bombolette spray in vendita nei vari negozi del centro commerciale. Per dare un’idea delle dimensioni dell’incendio, basti pensare che nelle operazioni di spegnimento delle fiamme sono stati impiegati ben 150 vigili del fuoco. Fortunatamente, il timore che destava maggiore preoccupazione è rientrato dopochè i pompieri hanno verificato che non c’erano nell’aria livello di sostanze tossiche, nocivi per la salute delle persone.  Il centro commerciale si chiama Dong Xuan Center è lì si trovano prodotti asiatici a basso prezzo – in particolare capi di abbigliamento e derrate alimentari – ma ci sono anche numerosi ristoranti, profumerie e negozi di parrucchieri. 

Berlino, rogo al centro commerciale del sushi: nube tossica rientrata ma 'finestre chiuse'
Ci sono volute molte ore per domare le fiamme, ma attualmente la situazione è tornata sotto controllo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, le fiamme sono divampate all’interno
di un deposito dove vengono preparate le confezioni in plastica che contengono il sushi, situato non distante dal mercato vietnamita nel quartiere Lichtenberg della capitale tedesca. Il rogo è stato circoscritto ed dopo i rilievi di rito, è stato confermato che non si sono sprigionati nell’aria livelli di veleno pericolosi per la salute. Anche se, per il forte vento che in quel momento interessava la zona, le autorità hanno chiesto alla popolazione di tenere a lungo le finestre delle abitazioni chiuse. Un evento che ha destato molto scalpore a Berlino, anche per i timori di una nube tossica che avrebbe potuto interessare l’intera città. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]