Neil Young compie 70 anni. Quella volta che litigò a causa dell'Alabama...

12 novembre 2015 ore 21:23, Adriano Scianca
Neil Young compie 70 anni. Quella volta che litigò a causa dell'Alabama...
Nella sua lettera d'addio prima del suicidio, Kurt Cobain scrisse una frase famosa: "It's better to burn out than to fade away" (È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente). Si trattava di una citazione da una canzone di Neil Young, “Hey Hey, My My (Into the Black)”. 

Già solo questo basterebbe a raccontare l'influenza che ha avuto e che ha sulla musica contemporanea il cantautore che oggi, 12 novembre, compie 70 anni. Nato a Toronto nel 1945, Neil Percival Young ha debuttato giovanissimo con la storica formazione dei Buffalo Springfield, prima di raggiungere il successo con Crosby, Stills, Nash & Young. Controcorrente, tormentato, dallo stile grezzo, Young è stato spesso considerato un antesignano del grunge (e l'imprimatur, seppur tragico, del leader dei Nirvana la dice lunga, in proposito). 

Ma non sempre Young è stato citato in modo benevolo dagli altri artisti. La band dell'orgoglio sudista, i Lynyrd Skynyrd, hanno inserito il nome del cantante nella loro celebre “Sweet Home Alabama”. Uscito nell'agosto 1974, il pezzo intendeva rispondere ad “Alabama” e “Southern Man”, due canzoni in cui Neil Young criticava duramente il sud degli Stati Uniti, considerato retrogrado e razzista. I Lynyrd Skynyrd replicarono con un elogio dell'Alabama, in cui si può ascoltare questo verso: “Spero che Neil Young lo ricordi, un uomo del sud non ha bisogno di lui”. 

Non si tratta, tuttavia, di una di quelle inimicizie eterne, con capitoli nuovi a ripetizione. Lo stesso Young ha infatti dichiarato di ammirare “Sweet Home Alabama”, che ha pure cantato in diversi suoi concerti, e di essere un fan dei Lynyrd Skynyrd. Allo stesso modo, Ronnie Van Zant, leader della band, ha spesso indossato sul palco una maglietta con l'immagine di Neil Young mentre cantava questa canzone. 

Non solo. Nella sua autobiografia del 2013, Young dichiarò a proposito: “La mia canzone Alabama si è largamente meritata la stoccata che mi diedero i Lynyrd Skynyrd con quel loro grande disco. Quando la sento oggi, non mi piace il testo. È accusatorio e sussiegoso, non pienamente ponderato e troppo facile da fraintendere”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]