Francia, rapisce il figlio e lo tiene segregato per tre anni. Tutti gli altri casi

12 ottobre 2015, intelligo
Francia, rapisce il figlio e lo tiene segregato per tre anni. Tutti gli altri casi
Chiuso in casa per tre anni, senza mai uscire, senza andare a scuola, in condizioni terribili. È l'agghiacciante disavventura accaduta a un bambino di origine tunisina, rapito in Francia dal padre all'età di 5 anni dopo il divorzio dalla madre. Il responsabile è un 37enne che ora rischia fino a 30 anni di carcere, ritrovato tre anni dopo al confine con la Svizzera ed in particolare nella città di Mulhouse, nella Francia orientale. 

La polizia ha spiegato che il bambino non ha subito violenza fisica, ma era totalmente lasciato a se stesso, con “carenze educative molto gravi”. Il ragazzo non era seguito medicalmente e a parte qualche uscita fugace con il padre passava tutto il suo tempo solo in una casa scarsamente ammobiliata, in compagnia della tv. Sono state trovate punture di pulci su tutto il corpo e pidocchi nei capelli. 

Nel 2010, il padre lo aveva sottratto alla madre con la scusa che la donna non lo educasse bene. Dopo la denuncia per sottrazione di minore, gli inquirenti sono infine riusciti a rintracciarlo. “L'uomo ha riconosciuto da sé di aver fatto di tutto, di non essere stato all'altezza e di non essersi occupato del bambino”, ha spiegato la polizia. 

Avvertita, la madre si è immediatamente recata a Mulhouse, ma il figlio ha manifestato poca voglia di vederla a causa della rottura radicale con la sua precedente vita. 

Purtroppo la cronaca sempre più spesso ci presenta casi simili. A Roma, un anziano è stato ritrovato poco tempo fa nella sua casa, dove viveva da recluso da 4 anni per colpa della 41enne che ospitava. L'anziano è rimasto chiuso e al buio, con le tapparelle abbassate, in una stanza in pessime condizioni igieniche, con solo mezzo litro d'acqua e una banana o una merendina che dovevano bastargli per l'intera giornata. 

Sempre a Roma, in via del Pigneto, la polizia ha scoperto un disabile psichico di 30 anni costretto a vivere per 26 mesi in una gabbia. 

In Gran Bretagna, invece, la polizia ha liberato tre donne segregate come schiave per oltre 30 anni, dopo aver arrestato oggi i loro aguzzini, un uomo e una donna di 67 anni. Stessa sorte toccata ad Amanda Berry, Gina De Jesus e Michelle Knight, segregate per dieci anni in una casa di Cleveland, Ohio, da Ariel Castro, poi suicida in carcere.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]