Gasparri Vs "partito radicale di massa" renziano: no a utero in affitto e cittadinanza facile

12 ottobre 2015, Marta Moriconi
Gasparri Vs 'partito radicale di massa' renziano: no a utero in affitto e cittadinanza facile
"La verità è che Renzi sta costruendo una società a misura di “partito radicale di massa” (altro che partito della nazione). E i cattolici che fanno?" Con queste parole il nostro Direttore il 22 luglio chiedeva alla politica che rappresentava certi valori di reagire all'impronta di nuova società che il renzismo stava approntando. D'altronde Renzi sta gradualmente smontando le uniche cose serie - scriveva sempre Torriero- che a livello culturale e civile il centro-destra aveva fatto (a differenza delle riforme tanto annunciate e mai completate): la Bossi-Fini in materia di immigrazione; la Fini-Giovanardi, in materia di droghe leggere. Il blocco dei Pacs-Dico. Leggi rimpiazzate dall’abolizione del reato di immigrazione clandestina (e stiamo vedendo i danni di questo sbianchettamento), dalla liberalizzazione della cannabis (con i danni che ben presto vedremo, basta leggere i recenti episodi di cronaca nera) clamorosamente in controtendenza con le politiche anti-fumo che lo stesso governo sta emanando, fino alla codificazione della famiglia arcobaleno, con annessi e connessi.

Ora che gli effetti sono sotto gli occhi di tutti, qualcosa si sta muovendo.

"Ai presunti moderati che si mettono al servizio di Renzi evidenziamo le leggi che stanno per essere discusse e votate in Parlamento. Alla Camera si vuole votare la cittadinanza facile per una massa di extracomunitari: una chiara manovra elettorale
a discapito dei fondamentali principi del diritto e della logica. Una legge siffatta è un invito a sbarcare nel nostro Paese che si è già 
distinto in questo con il governo Renzi, autore di un vero e proprio scafismo di Stato": attacca il senatore di Fi Maurizio Gasparri.

"Questa norma sulla cittadinanza - ribadisce l'azzurro - va contrastata perché già ci sono leggi generose su questa materia. L'altra norma in discussione è quella sull'utero in affitto. Nel silenzio delle femministe il corpo delle donne diventa oggetto 
dell'egoismo delle persone omosessuali, che potranno commissionare bambini a pagamento a donne disperate. Si stravolgono principi fondamentali del diritto naturale e dell'ordinamento dello Stato, a conferma che Renzi risponde a logiche classiche della sinistra. 
Demagogia e smantellamento dello Stato sono caratteristiche anche in questa stagione del Pd".

Il problema è la non compattezza di Fi su alcuni temi "caldi" ma Gasparri esorta a una riflessione e ad una veloce decisione in tal senso: "Fi deve invece proporre un modello alternativo dove la democrazia, il rispetto della persona, la difesa di principi fondamentali prevalgano in un equilibrio ben diverso da quello prospettato dalla sinistra. Diciamo chiaramente no all'utero in affitto e alla cittadinanza facile".

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]