Terza giornata Serie A: miracolo Totti, certezza Icardi e caos Milan

12 settembre 2016 ore 9:22, Micaela Del Monte
Siamo solo alla terza giornata di Serie A ma sembra proprio che questo campionato abbia intenzione di farci battere il cuore dal primo all'ultimo minuto. E se la Juventus continua a scappare lasciando dietro di sé soltanto le macerie delle squadre affrontate, poi il vuoto, se non il Napoli che sembra aver ritrovato il suo capitano Hamsik e Callejon, in attesa che Milik entri nei meccanismi tecnici di Sarri. Poi c'è la Roma tenuta in piedi da un mostro, un uomo che con solo il suo nome riesce a gelare le difese altri e infiammare la propria squadra, il proprio stadio e la propria gente. 

Terza giornata Serie A: miracolo Totti, certezza Icardi e caos Milan
Quarant'anni tra poco più di dieci giorni, Francesco Totti apre le acque dell'Olimpico inondato dall'acquazzone e dalla grandine e riporta la Roma e Roma a gioire. La luce si è accesa letteralmente dal suo ingresso in campo, con le nuvole nel cielo che piano piano si diradavano accadeva lo stesso ai mostri nella testa degli altri giocatori. E i giallorossi hanno cominciato a giocare a calcio così come il Capitano sfornava assist a non finire per un Dzeko che probabilmente non ha mai visto così tante palle utili da quando è nella Capitale. Salah e il bosniaco sono infatti stati messi forse una decina di volte in condizione di poter battere Viviano che, se non fosse stato per la solita vena di imponenza che coglie tutti i portieri che giocano contro i giallorossi, avrebbe anche potuto finire con la porta violata 5 volte in 30 minuti.

Insomma, il 3-2 dell'Olimpico è una gioia per gli occhi dei romanisti e per il cuore degli amanti del calcio. Vedere Francesco Totti correre ancora per il campo con la stessa spigliatezza e intelligenza di quando aveva vent'anni è davvero un emozione. La nota positiva è che Dzeko segna e si prende i rigori. Al resto ci pensa il Capitano. Ma la rimonta dei giallorossi contro la Samp non cancella totalmente i problemi di questa squadra che, visto anche il ruolino di marcia da inizio campionato (due vittorie, di cui una in extremis, e un pareggio) sembra aver continuato l'andazzo della scorsa stagione. 

E così come tutto il resto delle squadre: bianconeri in fuga, partenopei alle calcagna e Roma che zoppicando segue. Il resto è quasi il vuoto, almeno per ora.  Inter e Milan arrancano ancora, esattamente come due mesi fa. A salvare De Boer ci pensa Icardi al novantesimo contro un gran Pescara, ma nessuno salva Montella. Le milanesi continuano a soffrire e a non convincere, il cambio di società sembra non aver dato ancora alcuna spinta alle due squadre e se da una parte l'Inter ha una squadra capace di lottare per le vette della classifica, dall'altra c'è un Milan che andrebbe rifondato se non da capo a piedi poco ci manca. 

Il resto forse è contorno, con la Fiorentina che non è scesa in campo a Genoa e che ancora attende di dimostrare se è carne o pesce, ma forse il problema è che neanche Paulo Sousa e la Viola lo sanno...

Ecco tutti i risultati della terza giornata:
Juventus-Sassuolo 3-1
Palermo-Napoli 0-3
Bologna-Cagliari 2-1
Roma-Sampdoria 3-2
Atalanta-Torino 2-1
Chievo-Lazio 1-1
Genoa-Fiorentina (rinviata)
Milan-Udinese 0-1
Pescara-Inter 1-2

Questa sera 20:45 Empoli-Crotone
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]