Amsterdam, chiuso aeroporto: un arresto. Perché l'Olanda è a rischio terrorismo?

13 aprile 2016 ore 7:26, Andrea De Angelis
Di nuovo paura in Europa e ancora una volta all'interno di un aeroporto. Lo stesso luogo teatro degli attentati di Bruxelles, esattamente tre settimane fa. 

Questa volta l'aeroporto è stato di fatto bloccato a causa dell'allarme sicurezza. Le indagini sono in corso e non è chiaro - hanno riferito ieri sera i media olandesi - se si trattasse di un allarme bomba. La polizia, pesantemente armata, ha prontamente operato all'interno dell'aeroporto. Un arresto è stato effettuato anche nella stazione ferroviaria di Leiden.
In particolare secondo 'De telegraaf' all'aeroporto Schiphol sarebbe stato trovato anche un pacco sospetto, ma la notizia non è stata confermata dalle forze dell'ordine. 
Alle prime luci dell'alba è tornata alla normalità la situazione nell'aeroporto di Amsterdam-Schiphol,in parte evacuato ieri sera insieme al vicino hotel Sheraton per un pacco sospetto. La polizia militare afferma che "nessun materiale pericoloso è stato trovato" nel bagaglio del sospetto arrestato,che tuttavia resta in custodia e sotto indagine. L'uomo è stato fermato in seguito "alla segnalazione di una situazione sospetta", spiega la polizia senza fornire ulteriori dettagli. 

Amsterdam, chiuso aeroporto: un arresto. Perché l'Olanda è a rischio terrorismo?
L'allerta dunque resta alta nel vecchio continente e l'Olanda è sicuramente uno dei Paesi dove è più alto il timore di attentati. Questa nazione, insieme a Francia, Germania, Belgio e Italia è infatti considerata quella più a rischio. Ovviamente si tratta di previsioni, non certo di divieti di viaggio o roba simile. Insomma, no al terrorismo psicologico (ci basta quello dei fondamentalisti, verrebbe da dire). 
Resta il fatto che l'Olanda rischia. Ne è prova il blitz di Rotterdam due giorni dopo i tragici attentati di Bruxelles. L'Olanda, è importante ricordarlo, è uno dei Paesi europei che sta bombardando l'Isis in Siria. Dopo Francia, Gran Bretagna e Germania, l’Olanda è il quarto paese europeo che dispiega la sua forza militare contro Isis.
Uno squadrone olandese di sei jet F-16 era già presente nella regione, ma fino a questo momento si era limitato a colpire postazioni di Daesh in Iraq. La missione olandese in Siria per colpire lo Stato Islamico, continuerà fino al primo luglio, come annunciato ad inizio anno dal premier. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]