Fmi, banche italiane sofferenti, i rischi alle porte (globali)

13 aprile 2016 ore 16:19, Luca Lippi
“Potrebbero ripetersi le turbolenze dei mercati" fa sapere il Fmi a margine della pubblicazione del rapporto semestrale sulla stabilità finanziaria. In sostanza l’istituzione di Washington avverte che sono in aumento i rischi di stabilità finanziaria.
Il Global Financial Stability Report descrive la situazione come una situazione ad elevato rischio e facendo riferimento a dodici mesi fa si legge: "Dall'edizione dell'ottobre 2015 i rischi sono aumentati”. Prosegue il rapporto che nel suo complesso è di 130 pagine: 
"Il messaggio principale di questo è che servono misure aggiuntive per garantire una combinazione più potente di politiche, in grado di migliorare la crescita e le prospettive di inflazione, e di mettere al sicuro la stabilità finanziaria. In assenza di misure simili, le turbolenze dei mercati potrebbero ripetersi".

Fmi, banche italiane sofferenti, i rischi alle porte (globali)

Continua il rapporto: “L'aumento dei premi di rischio potrebbe tradursi in un ulteriore inasprimento delle condizioni finanziarie creando un circolo vizioso nocivo con il livello debole di fiducia, la crescita a rilento, l'inflazione debole e i livelli di indebitamento in crescita”.
Secondo quanto si legge dal rapporto, è ovvio prevedere che le ripercussioni sull’economia reale siano concrete, proseguendo si legge ancora che sarà facile cadere in una vera e propria “stagnazione economica e finanziaria”.
In conclusione il Fmi ammonisce le economie occidentali avanzate per sottovalutare l’assente dinamica di ripresa, poi ammonisce le disattenzioni per le economie emergenti che stentano ad assorbire produzione e quindi sono in rallentamento e in più ammonisce anche la finanza (e quindi se stessa) per l’aumento dei rischi sistemici derivanti dalle liquidità nei mercati.
In sostanza, non salvandosi nulla, qual è il problema se in concreto il problema si annulla da solo?

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]