"Non possiamo prevenire nuovi attacchi"

13 gennaio 2015 ore 16:26, intelligo
«Non possiamo prevenire nuovi attacchi». Mentre Francia e Israele ricordano le vittime sono queste le dichiarazioni del capo dell’antiterrorismo Ue Gilles de Kechove. Lo riporta Corriere.it.   Ue   «Non è possibile prevenire (attacchi terroristici come la strage di Parigi) al cento per cento», sostiene l’investigatore per il quale la soluzione non può essere quella di imprigionare i cosiddetti «foreign fighters» (gli occidentali andati a combattere in Siria ed Iraq che tornano in patria) perché le carceri sono diventate «grandi incubatrici» di radicalizzazione. Intanto sul fronte dell’inchiesta, la Bulgaria ha reso noto di aver arrestato il primo gennaio, al confine con la Turchia, un cittadino francese di origine haitiana che sarebbe stato in contatto con uno dei fratelli Kouachi, responsabili della strage nella redazione di Charlie Hebdo.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]