Ferrero (Prc): “Entro luglio la nuova sinistra. Frase sui Marò? Idiozia senza senso”

13 luglio 2015, Andrea Barcariol
Ferrero (Prc): “Entro luglio la nuova sinistra. Frase sui Marò? Idiozia senza senso”
E' ottimista sulla creazione di un nuovo soggetto politico alla sinistra del Pd, Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista che intervistato da IntelligoNews, auspica "un passaggio politico forte entro la fine del mese" e "ringrazia" Renzi per la sua linea politica "palesemente di destra".

Vendola scioglie Sel e cambia nome al partito. Come giudica questa mossa?


«Questo non mi risulta. Avendo sentito Vendola, in diretta, mi risulta che anche lui abbia sposato un’idea, quella di lanciare un processo costituente per una sinistra che sia unitaria e quindi come la propone Rifondazione, Sel, l’Altra Europa con Tsipras, Fassina. Mi sembra che ci siano tutte le condizioni per arrivare a un processo unitario».

Intende dire non è Sel che cambia nome ma la sinistra che si riunisce?

«E’ evidente, se Sel cambia nome è un fatto di Sel, ma non è questa la proposta di Vendola, la proposta di Vendola è quella di un percorso unitario».


Vendola si è mosso adesso per non perdere peso politico nella creazione di questo nuovo soggetto?


«Sono mesi che se ne discute, c’è una posizione esplicita dell’altra Europa con Tsipras che aveva avanzato una proposta in questo senso e una posizione esplicita di Rifondazione Comunista che aveva posto questo tema e c’è adesso anche Sel che fa sua questa posizione. C’è quindi un progressivo convergere, anche da parte di Fassina e Civati, che giudico in maniera molto positiva».

Come dice lei, ormai se ne parla da mesi, con vari ipotetici leader, ma cosa rallenta questa “progressiva convergenza”?

«Per fare un matrimonio bisogna essere d’accordo in due, in questo caso siamo più di due. La cosa buona è che adesso tutti i soggetti si stanno esprimendo positivamente sulla volontà di farlo, quindi confido che entro luglio ci sia un passaggio forte politico per far partire il processo costituente che poi dovrà durare nel tempo perché c’è bisogno di allargare. Non vogliamo mettere insieme chi vota questi soggetti politici, ma aprire a tutti coloro che sono di sinistra e che non sono iscritti a nessun partito. Il problema è l’unità al fine di far partire un processo costituente in cui tutti quelli di sinistra si possano ritrovare».

La politica di Renzi ha favorito questa convergenza?

«E’ evidente che il fatto che Renzi sia palesemente di destra facilita la costruzione di una sinistra, adesso finalmente più nessuno ha illusioni sul Pd e questo aiuta la nascita di una sinistra autonoma e alternativa al Partito Democratico».

Come giudica l’infelice frase su facebook (“Ma non è ora che impicchino i Marò”) del segretario di Rifondazione Comunista di Rimini su Latorre e Girone?

«Un’idiozia, senza nessun senso».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]