Strade killer, in Italia crescono i morti. Brutto primato: 1 auto su 5 non è in regola

13 luglio 2016 ore 15:42, Andrea Barcariol
Un auto su 5 non è in regola a causa degli pneumatici. L'allarme arriva dalla Polizia Stradale e da Assogomma impegnati nell'ambito del progetto 'Vacanze Sicure'. “Purtroppo sono ancora pochi gli automobilisti che prestano attenzione al fatto che la sicurezza in auto dipende anche dallo stato e dalla conformità delle gomme, che rappresentano letteralmente le 'scarpe' del nostro veicolo - spiega Giuseppe Bisogno, direttore del Servizio Polizia Stradale - E' necessario che si diffonda la cultura della sicurezza; l’automobilista deve imparare a viaggiare in condizioni di massima affidabilità; gli pneumatici lisci, danneggiati o, peggio ancora, non omologati, non sono assolutamente in grado di fornire questo tipo di garanzia”.
Le Forze dell'Ordine hanno controllato 12.000 veicoli nel periodo dal 15 maggio al 20 giugno con un “focus” sugli pneumatici e sulle revisioni in sei Regioni. I numeri parlano chiaro: sono aumentati gli incidenti in ambito urbano, dove avviene circa la metà dei decessi. I morti sulle strade urbane sono in crescita del 7,4% rispetto all’anno precedente. Un dato preoccupante da imputare anche alla cattiva manutenzione delle strade e dei veicoli.

Strade killer, in Italia crescono i morti. Brutto primato: 1 auto su 5 non è in regola
A incidere molto, infatti, è la vetustà del parco circolante che è di oltre 49 milioni di veicoli dei quali 37,3 milioni di autovetture, con un'anzianità media di 11,4 anni (fonte ACI) con l'aggravante del 52% delle auto con oltre 10 anni di vita.
“Sono milioni i mezzi potenzialmente pericolosi in circolazione sulle nostre strade - sottolinea Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma. "Gomme lisce, danneggiate, non omologate, equipaggiamenti non omogenei e non conformi, pneumatici invernali in estate - prosegue - sono la cartina tornasole di una mancanza cronica di manutenzione che, per viaggiare sicuri, dovrebbe aumentare al crescere dell’età delle vetture, invece, al contrario peggiora. Questi comportamenti poco virtuosi sono ancora più evidenti sui mezzi per il trasporto leggero che presentano un trend in crescita costante direttamente proporzionale all’aumentare dell’età del mezzo".



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]