Scontro tra treni, Veneziani: "Da pugliese vi dico: i mali del sud non c'entrano nulla"

13 luglio 2016 ore 12:06, Adriano Scianca
Non crede alle letture sociologiche o politiche della strage ferroviaria pugliese, Marcello Veneziani, originario di Bisceglie e conoscitore profondo dei mali e dei pregi del Meridione d'Italia. Ma stavolta, spiega a IntelligoNews, queste problematiche non c'entrano nulla: "Sono tutte lezioni tratte dal senno del poi".

Veneziani, c'è una specifica problematica legata ai trasporti del sud Italia?

«Francamente sono scettico su queste lezioni tratte dal senno del poi. Sulle condizioni di quella tratta non c'era nessuna denuncia e nessuna indagine. C'è il sistema del binario unico, ma a leggere certi commenti sembra che ci sia solo in quella zona o solo al sud, quando invece c'è in tutta Italia. Quindi mi sembrano impropri i ragionamenti sul Meridione, che li facciano i meridionali per lagnarsi di essere stati abbandonati o che lo facciano gli anti-meridionali per dire che è il solito Sud arretrato. La verità è che qui c'è da fare i conti con l'errore umano».

E delle spiegazioni di chi punta il dito contro i privati che hanno in mano settori importanti delle infrastrutture cosa pensa?

Scontro tra treni, Veneziani: 'Da pugliese vi dico: i mali del sud non c'entrano nulla'
«Questo ragionamento mi pare un po' astratto. Abbiamo visto incidenti ferroviari sia su linee pubbliche che su linee private. Io sono un sostenitore dell'idea che in certi settori il pubblico debba rimanere prevalente, ma questo in via di principio, non in relazione a questa tragedia. Ci si scandalizza perché l'ampliamento di quella tratta era in stallo da tanti anni, ma se andiamo a vedere di casi simili ce ne sono settemila in tutta Italia».

Insomma, il dibattito sulle possibili responsabilità “di sistema” non la appassiona...

«Credo che trarre una lezione generale o addirittura ideologica da una vicenda tragica sia sbagliato. È la nostra tendenza a cercare sempre una spiegazione per tutto. È, inoltre, una evoluzione del giornalismo, che cerca sempre di fare inchieste di denuncia. Allo stesso giornalismo, tuttavia, si può chiedere perché non si sia accorto prima che in quella linea c'era il binario unico, che c'era quel sistema obsoleto etc. Farlo con il senno del poi è troppo facile».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]