Agenda Ue cambierà l'immigrazione? I dati di ieri per capire il domani

13 maggio 2015, intelligo
Agenda Ue cambierà l'immigrazione? I dati di ieri per capire il domani
Per capire come con l'agenda Ue per l'immigrazione cambia la politica europea rispetto a un fenomeno epocale, lo schema dell'Adnkronos può essere molto utile. Si parte dalle domande per dare delle risposte.

Quanti sono i migranti arrivati in Europa quest'anno? Quanti sono invece quelli che non ce la fanno e muoiono durante il viaggio? E da dove vengono? 

Ecco le risposte ad alcune domande sulla crisi dei migranti. 

Quante sono le persone in arrivo? Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), dal primo gennaio all'11 maggio scorso sono arrivate via mare 65.900 persone, di cui 35.100 in Italia, 29.700 in Grecia, mille in Spagna e 100 a Malta. 

Quante di loro non ce l'hanno fatta? In base ai dati Oim, 1.829 persone sono morte durante la traversata, in particolare 1.780 erano dirette in Italia, mentre 31 in Grecia e 18 in Spagna. A confronto, nello stesso periodo del 2014, precedentemente considerato l'anno con più vittime, i morti stimati sarebbero 425. L'anno scorso, sostiene l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), nel Mediterraneo hanno perso la vita circa 1.800 migranti, mentre nel 2013 sono stati 600, 500 nel 2012 e 1.500 nel 2011. Il tasso di mortalità dei migranti via mare, ha stimato Amnesty International, è più che raddoppiato nella prima parte del 2015. 

Da dove provengono? I primi cinque Paesi di origine, riferisce l'Oim, sono: Siria, Eritrea, Somalia, Nigeria e Afghanistan. In Italia, precisa l'Unhcr, gli arrivi da Eritrea e Siria sono aumentati del 275 per cento e del 250 per cento rispettivamente dal 2013 al 2014, una tendenza che sembra continuare quest'anno. 

Dove vanno? Non ci sono dati esatti disponibili. In Italia molti migranti fuggono dai centri di accoglienza e oppongono resistenza ai tentativi della polizia di identificarli, per cercare di raggiungere parenti o amici oppure cercare opportunità di lavoro nel nord Europa. In Italia l'anno scorso sono sbarcati circa 170mila migranti, ma la scorsa settimana è emerso che il Paese sta dando accoglienza a circa 85mila richiedenti asilo. Questo lascia immaginare che molti di loro si siano diretti verso un altro Paese Ue. 

Quale Paese Ue accoglie più richieste di asilo? L'anno scorso, segnala Eurostat, l'Ufficio Statistico dell'Unione Europea, gli Stati membri hanno accettato 185mila domande di asilo, circa il 50 per cento in più dal 2013. La Germania ha accolto oltre 47mila richiedenti, il numero più alto in assoluto, mentre la Svezia più di 33mila, il numero maggiore rispetto al numero di abitanti. Francia e Italia hanno accolto rispettivamente circa 20.600 richieste. 

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]