Caso Yara, Bruzzone: "Nessuna sorpresa. Il mondo è pieno di padri divenuti assassini"

13 marzo 2015, Andrea De Angelis
Massimo Bossetti, il muratore in carcere dal giugno scorso per l'omicidio di Yara Gambirasio, rimane in cella. Sul no dei giudici alla richiesta di scarcerazione avanzata dal legale, IntelligoNews ha sentito la criminologa Roberta Bruzzone...

Caso Yara, Bruzzone: 'Nessuna sorpresa. Il mondo è pieno di padri divenuti assassini'
Bossetti resta in carcere. Tutto come da pronostico?

«Era abbondantemente prevedibile, non c'è nessuna sorpresa. Con questo tipo di impianto accusatorio, con un provvedimento di chiusura delle indagini così granitico, con un rigetto della precedente istanza di carcerazione, onestamente dove pensavano di poter andare? Il signor Bossetti farà il processo in custodia cautelare in carcere, non credo che ci sia alcun dubbio. Ormai sarà chiaro anche alla difesa...».

C'è però questo Dna mitocondriale che non torna...

«Il Dna mitocondriale è chiaramente frutto di una contaminazione che è già stata ampiamente spiegata dai tecnici e che non sposta dunque assolutamente nulla nelle indagini». 

Spieghiamo ai lettori la differenza con quello nucleare.

«Il Dna nucleare è l'unico valido a fini identificativi, mentre non lo è quello mitocondriale. Il Dna nucleare, cioè il profilo completo, è di Bossetti, su questo non ci sono dubbi. Dunque abbiamo un dato completo e corrisponde a quello del signor Bossetti, mentre il mitocondriale, che è stato acquisito su tracce che chiaramente avevano subito una serie di effetti, ha offerto un risultato non definitivo. Ma il nucleare, cioè l'unica traccia utile a fini di giustizia per identificare una persona in maniera certa, è il suo». 

Nelle recenti dichiarazioni spontanee Bossetti ha detto di essere un padre di famiglia e non un assassino. Si utilizza spesso il termine famiglia in simili contesti?

«Sì, ma purtroppo di padri di famiglia divenuti assassini ne è piena la cronaca giudiziaria. Non solo italiana, ma internazionale».

Cosa dovrebbe fare Bossetti?

«Certamente non dovrebbe fare affermazioni che nulla spostano nell'impianto accusatorio, ma impegnarsi a cercare di spiegare la presenza delle sue tracce biologiche in una quantità così importante sugli indumenti di Yara. Questo è il punto, l'oggetto del contendere. Il fatto di essere un padre di famiglia, purtroppo, non conta assolutamente nulla». 





caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]