Gay, Luxuria: "La mia risposta ad Angelo Bagnasco. D&G con Giovanardi modello..."

13 marzo 2015, Marta Moriconi
Gay, Luxuria: 'La mia risposta ad Angelo Bagnasco. D&G con Giovanardi modello...'

Vladimir Luxuria, intervistata da IntelligoNews, è un fiume in piena quando la interpelliamo sui temi caldi del giorno. Contro le dichiarazioni sulle nozze gay del presidente della Cei Angelo Bagnasco parla di quelli che se fosse per loro "dovremmo fare sesso solo per riprodurci", poi se la prende con la Manif Pour Tous Italia che "tenta di fermare il vento della civiltà con le mani", e infine con Dolce e Gabbana. Alla coppia di stilisti dedica un pensiero "alla moda": "A volte le opinioni si portano come un paio di jeans...". 

Altolà di Bagnasco a Renzi. Luxuria come risponde? 

"Se dovessimo seguire tutti i dogmi cattolici che regolano la vita sentimentale e sessuale delle persone dovremmo rinunciare al divorzio, all’aborto, dovremmo fare sesso solo per riprodurci e non dovremmo neanche usare il preservativo. La Chiesa può dire quello che vuole e un cattolico può decidere se seguire i dettami della Chiesa o meno, certo non può essere imposto nulla a nessuno e la Chiesa non può decidere per uno Stato che nella Costituzione è rispettoso e laico".

È vero o no che le nozze gay porterebbero alla possibilità per la coppia omosessuale di adottare?

"Le unioni civili tedesche in realtà consentono l’adozione interna alla coppia e non esterna, cioè si può estendere la maternità o la paternità al genitore non biologico solo se un genitore c'è già ed è biologico. Non si può ad esempio adottare un ragazzo o da un centro di accoglienza o da un orfanotrofio estero, tant’è che anche la legge che tendeva per principio della continuità degli affetti, in discussione al Senato, ad estendere l’adozione che consegue all’affido anche per i single, è stata stoppata proprio perché si teme sempre che chi ha l’affido e poi vuole adottare possa essere gay. C’è una sorta di ossessione".

Parliamo del Rapporto Panzeri, i diritti dei gay sono diritti umani? Per la Manif Pour Tous, appena intervistata da noi, no. 

"Prima ancora di dirlo l’UE l’ha detto l’Onu! Quelle persone che tentano di fermare il vento della civiltà con le mani, ma sono cambiamenti che avverranno e la società li accetterà e vivrà tranquillamente, non ci saranno catastrofi naturali. Confiniamo con nazioni che lo hanno già fatto senza cataclismi. Alla lunga si può continuare a dire che questo sia un pericolo e invece non lo è assolutamente. Ci sono già primi ragazzi cresciuti da persone dello stesso sesso e ormai hanno 15/16 anni vanno a scuola, stanno formando anche la loro di famiglia, non hanno sviluppato nessun tipo di devianza, quindi non capisco dove sia il problema. Anzi ne approfitto: voglio fare gli auguri per il 19 marzo a tutti i papà gay che festeggiano al quadrato".

Dolce e Gabbana e il loro prediligere la famiglia naturale, cosa ne pensa Luxuria? 

"A volte le opinioni si portano come un paio di jeans: si cambia idea da un mese all’altro. Io ero rimasta al loro desiderio di diventare padri, quando avevano definito pagliacciata il Convegno della Regione Lombardia sulla famiglia naturale. Adesso hanno cambiato idea, però non vorrei che sostituissero nelle loro sfilate Monica Bellucci con Paola Binetti o che facciano sfilare in intimo Carlo Giovanardi come testimonial invece del loro modello. Loro possono dire la loro, ovvio che omosessuali non significa essere omologati, però mi puzza molto questa loro dichiarazione... Bah".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]