Sanità "biblica", liste di attesa infinite dalla risonanza in giù

13 novembre 2015 ore 13:56, Andrea Barcariol
Sanità 'biblica', liste di attesa infinite dalla risonanza in giù
E' un problema cronico della sanità italiana che si trascina da anni: le liste di attesa infinite. Una vera e propria piaga che causa disagi enormi alle persone malate e che, purtroppo, non accenna a migliorare. La conferma arriva dall'ultimo rapporto che raccoglie le segnalazioni degli assistiti al Pit salute del Tribunale dei diritti del malato.

I tempi medi di attesa sono di 9 mesi e quando ci si rivolge al privato i costi sono esorbitanti, un vero e proprio salasso per le tasche degli italiani. Per una risonanza si aspettano mediamente 13 mesi, 12 per una mammografia o una Tac, 10 mesi di pazienza si chiedono per un ecodoppler, 9 per una ecografia. Persino una lastra può richiedere un’attesa media di 7 mesi. Se poi si deve ricorrere a interventi chirurgici allora meglio mettersi l'anima in pace: 2 anni per un maxillo facciale, la rimozione di una protesi d’anca o la ricostruzione mammaria, quasi un anno per un’ernia inguinale.

Sanità 'biblica', liste di attesa infinite dalla risonanza in giù

Tempi biblici anche per per essere ricevuti da un medico specialista senza pagare la parcella. Oltre un anno per una visita psichiatrica, 9 mesi per quella oculistica, 8 per il cardiologo, 6 mesi per l’ortopedico. Oltre alle liste d’attesa rimane insufficente anche l’assistenza a invalidi e disabili con l’11,4% delle segnalazioni. Non solo. Su oltre 24mila segnalazioni giunte nel 2014 ai PIT salute nazionale e regionali e alle sedi locali del Tribunale per i diritti del malato, quasi un terzo riguarda il ticket (31,4%).

“Esiste un problema di accesso alle prestazioni pubbliche, e cosa si fa? Si rinuncia nel 2016 all’incremento del Fondo Sanitario di due miliardi previsto dal Decreto Enti Locali approvato appena tre mesi fa e che avrebbe potuto eliminare il superticket di 10 euro, riportando il Servizio Sanitario Pubblico ad essere la prima scelta per i cittadini”, sottolinea Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]