Big Luciano fa 80, l’allieva Burrato e il Maestro Muti raccontano e festeggiano il tenore

13 ottobre 2015, intelligo
Big Luciano fa 80, l’allieva Burrato e il Maestro Muti raccontano e festeggiano il tenore
“Il Maestro Pavarotti mi ha regalato la forza di poter fare questo lavoro e tutt’oggi porto nel cuore i suoi preziosi insegnamenti”. Eleonora Buratto, è una giovane soprano di Mantova che fa parte del cast per il concerto in onore di Luciano Pavarotti.

Il ricordo che ne traccia non è causale, tantomeno di circostanza, perché la giovane soprano è stata allieva del Maestro. E grazie ai suoi insegnamenti ha potuto salire i gradini di una carriera che oggi la vede protagonista di concerti non sono in Italia ma anche all’estero: Eleonora sta preparando la stagione invernale che la porterà nei teatri e negli auditorium di tutt’Europa e a febbraio per lei ci sarà il grande debutto al Metropolitan di New York.

E’ interessante leggere la cerimonia di commemorazione del Maestro Pavarotti attraverso gli occhi di un’allieva (nell’intervista al quotidiano La Gazzetta di Mantova). 

Luciano Pavarotti avrebbe compiuto oggi 80 anni. Il mondo celebrerà una leggenda della lirica, a otto anni dalla morte, avvenuta il 6 settembre del 2007. E pensare che da ragazzo non aveva alcun interesse alla carriera artistica e musicale e lo conferma il fatto che decise di non frequentare il Conservatorio per la sua formazione. Pavarotti preferiva insegnare educazione fisica ma anche fare il maestro alle scuole elementari. Ambizioni che poi – fortunatamente - si sono rivelate solo sogni di gioventù, perché Pavarotti portò avanti gli studi di canto e nel 1961 riceve il primo riconoscimento al Concorso Internazionale Achille Peri. 

La svolta definitiva che lo fa conoscere al grande pubblico arriva nell’aprile del 1961 con la rappresentazione de La Boheme al Teatro Municipale di Reggio Emilia dove Pavarotti di esibì nel ruolo di Rodolfo. Da lì in poi per lui è stata una escalation di successi in giro per il mondo. Tra i tanti eventi di livello internazionale e artisticamente più apprezzati dal grande pubblico, restano indimenticabili i concerti con Placido Domingo e Josè Carreras, ma anche i concerti con gli artisti pop, da Zucchero a Irene Grandi, passando per Jovanotti e Bono Vox. Per celebrarne la fìgura al Teatro di Modena il Maestro Riccardo Muti ha diretto un concerto davvero speciale. 

Infine, tra le celebrazioni per tramandarne il ricordo, c’è da segnalare che in occasione di Expo 2015, è stata aperta al pubblico la casa di campagna di Pavarotti – alle porte di Modena – oggi diventata un museo, dove gli appassionati potranno osservare gli abiti di scena indossati dal Maestro i suoi popolari cappelli oltre ai quadri e al pianoforte sul quale ogni giorno studiava. 

LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]