Mattarella all'Anci su referendum, immigrazione e democrazia: Distribuire

13 ottobre 2016 ore 11:54, Americo Mascarucci
"La democrazia e il Paese saranno più forti, e non più deboli, se chi rappresenta ai vari livelli, e nei diversi ruoli, la volontà popolare sa riconoscere l’interesse generale. Questo obiettivo va preservato anche in occasione del prossimo referendum sulle modifiche alla seconda parte della Costituzione. Interesse comune è la Costituzione stessa, così come sarà sancita dalla volontà del popolo sovrano".
Così ha parlato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo all'assemblea dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) a Bari che ha eletto Antonio Decaro presidente.
Il presidente Mattarella sembra aver percepito come il clima dello scontro in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre rischi di avvelenarsi e a tale scopo invita tutti ad abbassare i toni e al rispetto reciproco.
"È necessario, nell'avvicinarsi al giorno del referendum, e sarà necessario, dopo il suo risultato, il contributo di tutti, sereno e vicendevolmente rispettoso. E, di qui al voto, il confronto si dimostrerà tanto più efficace quanto più composto". 

Mattarella all'Anci su referendum, immigrazione e democrazia: Distribuire
Un invito ad abbassare i toni nell'ambito di una campagna referendaria che sembra sempre più percepita come un plebiscito contro Renzi.
Ma Matterella ha parlato anche di altri temi, fra cui quello sempre più spinoso dell'immigrazione.
"Per gestire il fenomeno migratorio - ha sottolineato Mattarella - occorre puntare sempre più sulla collaborazione tra Stato, Regioni e Comuni e sulla loro corresponsabilità nel predisporre e gestire programmi di distribuzione, di accoglienza e un adeguato piano sui vari aspetti di integrazione per coloro che hanno titolo per restare nel nostro Paese, anche per evitare che si possano formare aree di emarginazione etnica. Occorre allargare la base dei Comuni interessati, per consentire una ripartizione più equa e sostenibile e per tutelare le comunità più piccole". 
Inoltre, ha ribadito il capo dello Stato, "occorre continuare ad adoperarsi per far sì che l’Unione europea non evada dalle responsabilità di solidarietà politica e dal compito storico che le appartengono su questo fronte".

Apprezzamenti per le parole di Mattarella sono state espresse dal neo presidente dell'Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro:
"Ancora una volta il presidente della Repubblica ha dimostrato sensibilità, attenzione e sostegno agli amministratori locali e ai sindaci di tutti i Comuni italiani. Di questo gli siamo immensamente grati, così come siamo convinti che l'azione dell'Anci continuerà a trovare nel Capo dello Stato, Sergio Mattarella, un interlocutore attento e disponibile"

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]