Linus intimo mai più sul blog, ha chiuso: "Troppe offese rovinano l'esistenza"

13 ottobre 2016 ore 17:11, Americo Mascarucci
Martedì 11 ottobre Linus ha annunciato, dopo 12 anni di aggiornamento quotidiano, la chiusura del suo blog su deejay.it.
Il motivo lo ha spiegato in un’intervista a Repubblica.
"Io di mestiere non faccio l’editorialista - ha detto - ho altre responsabilità e compiti, già per condurre il mio programma alla radio tutte le mattine faccio un grande sforzo per non ripetermi. Insomma, quello del blog era un impegno importante, gratificante nove volte su dieci, molto bello ma alla fine molto faticoso". 
Poi Linus ammette: "Non solo. Andando avanti, giorno dopo giorno, mi sono trovato davanti a una strozzatura. Era sempre più difficile trovare degli argomenti di cui parlare senza ripetersi. Innanzitutto perché non ho dato spazio ai temi dell'attualità: parlarne diventa pericoloso, ti butti in pasto ai barbari, metti te stesso in mezzo a una giungla dove ci sono certamente una maggioranza di persone che commentano e rispondono in maniera civile, ma dove ci sono anche quelli che a priori ti devono dire le cose in una certa maniera, rovinandoti l'esistenza. Quindi il blog è diventato con gli anni una faccenda personale, una sorta di diario, mi sono raccontato in una maniera più intima. L'ho fatto con piacere ma alla fine mi creava stress, ho pensato che fosse più elegante e rispettoso dire a tutti: quello che potevo dire l'ho detto, il mio privato l'ho offerto, non posso mettere in piazza più di questo".

Linus intimo mai più sul blog, ha chiuso: 'Troppe offese rovinano l'esistenza'
Da qui poi l'altro taglio della doppia arma del blog: 
"Il blog diventa un problema quando si trasforma in uno strumento offerto a chi ti vuole aggredire. Quindi per evitarlo ti metti a cercare un modo per raccontare cose che siano impermeabili alle rotture di scatole. Ma se cominci a togliere materie e temi, inevitabilmente ti rintani, costruisci uno spazio di sopravvivenza, e però devi cercare sempre cose diverse, non è il mio lavoro".
Poi conclude:  "Io non ho una pagina Facebook, metto le mie foto su Instagram. E anche lì ci vuole equilibrio: come tutti, scelgo quelle in cui sono venuto meglio, ma subito c'è chi ti scrive che sei vanitoso"

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]