Usa, Massimo Cacciari: “E' drammatico. Non sostituiranno Hillary Clinton e Trump ne beneficerà”

13 settembre 2016 ore 12:07, Marco Guerra
“Spero che Trump se la gioco in modo volgare, ma se le Clinton ha mentito sulle sue condizioni di salute non verrà perdonata dall’elettorato”. Così Massimo Cacciari commenta per Intelligonews le notizie sul malore della candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti e le indiscrezioni su un possibile quadro clinico più grave di quello che è stato reso noto. 

Professor Cacciari che idea si è fatto dei problemi di salute di Hillary Clinton? 
“Drammatica direi perché a questo punto, Trump ha un’ottima carta da giocare e per i democratici si apre una fase delicatissima”.

Trump ne esce quindi rafforzato? 
“Eccome! Perché è chiaro che adesso bisogna vedere se si tratta solo di una polmonite o se invece è qualcosa che può infermare per molto tempo la candidata democratica. L’unica speranza è che Trump se la giochi male, in modo volgare, ma anche stando semplicemente zitto – che forse è la cosa migliore che potrebbe fare per gestire questa situazione – Trump ha tutto da guadagnare. Il fatto di votare un presidente in cattive condizioni di salute non è concepibile in America. Poi personalmente, questa cosa della trasparenza, che si deve mettere in piazza sempre tutto anche della vita privata, non la condivido affatto”. 

Se Hillary Clinton si ritira al suo posto va Sanders oppure si torna a votare per il candidato democratico?
Usa, Massimo Cacciari: “E' drammatico. Non sostituiranno Hillary Clinton e Trump ne beneficerà”
“Innanzitutto ora in campo democratico devono tranquillizzare l’elettorato, certo che se uscissero notizie su una vera malattia sarebbe una sciagura per i democratici e, almeno per quanto mi riguarda, anche per il mondo. Non credo comunque che, in tutti i casi, si deciderà di procedere con un cambio del candidato, insomma per uno scenario del genere dovrebbe essere la Clinton in persona ad annunciare che è vicina all'abbandono”.

La signora Clinton ha comunque un grande partito alle spalle, e se venisse eletta a quel punto sarebbe molto più manovrabile viste le sue condizioni di salute…
 “Il partito alle spalle c’è sempre, ce l’hanno quasi tutti grandi leader del pianeta. Ma la gente vota il presidente, ormai le elezioni sono sempre più personalizzate, tanto più le più le presidenziali americane. Ribadisco: se emergesse che la Clinton stesse veramente male, Trump ne avrebbe un beneficio enorme”. 

Un altro aspetto messo in evidenza e quello della bugia. Bill Clinton mentì all'epoca, mentre Hillary secondo alcuni starebbe facendo lo stesso rispetto alla sua salute. E’ una forzatura o un tema che non può essere ignorato?
“E un tema gravissimo, che non può essere ignorato. Gli americani non sopportano chi mente, il comportamento di un politico deve essere sempre trasparente. Una bugia non verrebbe perdonata dall’elettorato”. 


autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]