Super-direttorio, Massimo Fini spiega a Grillo: “Non è per niente la soluzione. Seguire il modello Lenin"

13 settembre 2016 ore 12:43, Lucia Bigozzi
“Il super-direttorio non è la soluzione e finirà per aggravare la situazione. Un Movimento rivoluzionario per quanto non violento che si candida al potere, deve essere leninista e avere un capo o due capi e basta. Non credo che Lenin e Trotsky in quella fase, chiedessero il parere dei militanti. Consiglio a Grillo di riprendersi in mano tutto da solo e fare il Lenin della situazione: un leader che decide e tutti gli altri zitti e buoni”. Pollice verso di Massimo Fini, giornalista, analista politico e scrittore, sui “contorcimenti” dei 5Stelle attorno al caso Campidoglio. Nella conversazione con Intelligonews, spiega dove sta l’errore di fondo. 

Dalle nomine al super-direttorio: secondo lei è la soluzione giusta o finirà per aumentare il caos?

"Non è per niente la soluzione. L’errore è di partenza, come ho scritto molto volte. Nel senso che un Movimento rivoluzionario per quanto non violento che si candida al potere, deve essere leninista e avere un capo o due capi e basta. Non credo che Lenin e Trotsky in quella fase, chiedessero il parere dei militanti. Quindi è sbagliato dall’inizio e questo annuncio va ulteriormente in questa direzione a mio avviso errata". 

Caso Muraro: l’assessore ha rimesso le dimissioni nelle mani della sindaca Raggi. In base alla sua esperienza di osservatore e analista politico, cosa dovrebbe fare la Raggi: respingerle e tirare dritto oppure accettarle e trovare un nuovo assessore?

"Se io fossi la Raggi respingerei le dimissioni. Più in generale tutto il Movimento 5Stelle dovrebbe dire una sola parola: noi rispondiamo solo alla magistratura; se la magistratura prova che ci sono ipotesi di reato; addirittura in questo caso la Muraro è iscritta nel registro degli indagati, non c’è neppure un avviso di garanzia e quindi non si può neanche sapere il termine del capo d’accusa. Ecco questa dovrebbe essere la posizione unica dei 5Stelle". 

Super-direttorio, Massimo Fini spiega a Grillo: “Non è per niente la soluzione. Seguire il modello Lenin'
Ha un messaggio per Grillo che pare sembra aver ripreso un po’ il mano le redini del Movimento? Senza Casaleggio, di fatto è rimasto privo di un ideologo: lei pensa che dovrebbe individuarne uno e lavorarci in tandem?

"A questo punto non vedo chi possa fare l’ideologo del Movimento 5Stelle e quindi Grillo deve riprendere in mano la questione da solo e basta…"

… E fare il Lenin della situazione come lei ha indicato all’inizio dell'intervista?

"Esattamente. Il leader che decide e tutti gli altri zitti e buoni".

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]