Camusso gela Renzi: nessuno sconto sull'Ape, la partita è aperta

13 settembre 2016 ore 15:35, Americo Mascarucci
Ma quale accordo sulle pensioni, quale intesa raggiunta, la Cgil sembra spegnere gli entusiasmi delle ultime ore.
"Tutti danno per scontato l'intesa ma nessuno è in grado di dire l'entità delle cifre sul tavolo. C'è troppo entusiasmo, è una partita delicata che ha bisogno di discussione" ha detto il leader della Cgil, Susanna Camusso, parlando a Radio anch'io della trattativa sulle pensioni. 
Evidentemente la Camusso deve essersi resa conto di come le dichiarazioni trionfalistiche del Governo sulle possibilità di raggiungere un'intesa sulla riforma delle pensioni, non siano state gradite dai diretti interessati, i lavoratori, per nulla soddisfatti dalle novità annunciate,  
"Le cifre di cui abbiamo sentito parlare finora sono insufficienti" ha aggiunto ancora Camusso.
Come dire: l'intesa non c'è e a queste condizioni è molto probabile che non arrivi.
Lo scoglio da superare è quello dell'APE, l'uscita anticipata dal lavoro, con il contestato meccanismo del prestito bancario, assicurato e da restituire una volta andati in pensione. 
Per i soggetti che nel 2017 compiranno almeno 63 anni, secondo l’APE, si potrà lasciare il lavoro quando lo si vorrà, in presenza di almeno 20 anni di contributi. Poi una volta raggiunti i 66 anni e 7 mesi che secondo la Legge Fornero sono quelli necessari per la pensione, si potranno restituire i soldi presi in anticipo attraverso il prestito ottenuto. 

Camusso gela Renzi: nessuno sconto sull'Ape, la partita è aperta
Secondo i piani del Governo, per chi uscirà con un anno di anticipo, il taglio di assegno per le spese sarà tra i 50 ed i 60 euro al mese per 20 anni. Per coloro che sceglieranno l’anticipo massimo, le cifre della penalizzazione saliranno a 150/200 euro, sempre al mese e sempre per 20 anni.
Un meccanismo che non convince la Cgil soprattutto perché non sono chiare le cifre in gioco.
Eppure a sentire il ministro dell'Economia Padoan l'intesa sembrava cosa fatta.
Evidentemente il Governo ha fatto i conti senza l'oste, la Camusso, che fra tanta euforia ha trovato la maniera di gelare il Governo.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]