Nuti (M5S): "Scandaloso, da Fazio Napolitano doveva fare autocritica! Renzi mortifica le donne"

14 aprile 2014 ore 13:20, Marta Moriconi
Riccardo Nuti, già capogruppo del M5S alla Camera, con IntelligoNews parla di scambio elettorale politico-mafioso e del fatto che il Procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria Gratteri si sia schierato con la loro posizione: “Mi fa piacere ma un’idea è giusta a prescindere da chi la sostiene”.
Nuti (M5S): 'Scandaloso, da Fazio Napolitano doveva fare autocritica! Renzi mortifica le donne'
Poi tiene la barra dritta anche sul Presidente della Repubblica: “Gli errori dell’Europa denunciati ieri da Napolitano sono quelli che proprio lui ha appoggiato in questi anni”. Quanto a Berlusconi e Alfano afferma che si tratta di “gente che appartiene al passato”. E spreca davvero poche parole. Di più quelle spese per Renzi e le sue presunte nomine pubbliche al femminile: “E’ mortificante”. Nicola Gratteri la pensa come il M5S sulla mafia e, precisamente, sul 416 ter. «Mi può fare solo piacere se altre persone dicono che la posizione del M5S è quella corretta ma in linea generale non mi piace quando, per dimostrare che si ha ragione, si fa riferimento al parere di una persona conosciuta. Un’idea è giusta o sbagliata a prescindere dal fatto che venga più o meno appoggiata da persone note. Aumentare le pene per lo scambio elettorale politico-mafioso è una proposta e un punto di programma giusto a prescindere da chi lo sostiene». Appunto. Chi lo sostiene… in Parlamento, oltre a voi? «Non mi sembra altri al momento. La vera battaglia in Parlamento l’abbiamo fatta noi, magari c’è qualche voce che comunque parla di una legge migliore di prima...  ma parlano come se in realtà lo scambio politico-mafioso sia qualcosa che non intacchi la nostra vita. A livello di partito siamo gli unici compatti. Io poi sono contro quell’ipocrisia di alcuni soggetti che negli anni si sono detti a favore di una buona idea, che però per la disciplina di partito votavano in un altro modo». Il Presidente della Repubblica Napolitano intervistato da Fazio si è espresso per l’Europa difendendone la storia pur ammettendo degli errori. Qual è la vostra opinione sulle sue parole? «Ho scritto qualcosa a riguardo stamattina sul mio profilo facebook. E’ assurdo ed è l’ennesima dimostrazione di come una persona, che dovrebbe essere terza, scenda in campagna elettorale e a favore di alcuni soggetti come il Pd. Tra l’altro lo ha fatto cercando di criticare, senza dirlo direttamente, il M5S. E’ abbastanza scandaloso come ci sia continuamente questo tentativo da parte dell’informazione, che non so più come definire, di lanciare questi messaggi di parte e di farlo attraverso il Presidente Repubblica. Dopo aver interpellato l’Agcom il sistema evidentemente doveva trovare un’alternativa e ha usato il Presidente della Repubblica. La cosa incredibile è che il Presidente della Repubblica ci viene a dire che l’Europa ha fatto degli errori senza dire che questi errori sono proprio quelli che lui ha appoggiato in questi anni. Doveva semplicemente fare autocritica al massimo». Alfano sempre più attrattivo dopo l’arresto di Dell’Utri. Divora Berlusconi e anche qualche punto percentuale al M5S? «Non penso proprio. Sembra una barzelletta. Io non capisco come ancora si paventi come possibile e realistica una divergenza tra Alfano e Berlusconi, tra Fi e Ncd. Queste sono prese in giro e lo sappiamo bene noi addetti ai lavori. Loro sono sempre pronti a fare coalizioni, nelle amministrative vanno a braccetto e sono gli stessi che hanno sempre curato i propri interessi al posto di quelli dei cittadini.  Sono operazioni di marketing, punto». Ma Bonaiuti sembra realmente inviperito con Berlusconi… «Ma chi se ne frega. Non mi pare che Alfano abbia rubato a Berlusconi chissà chi. Ma che ci importa in questa situazione del punto percentuale che si vogliono rubare a vicenda. E’ gente che appartiene al passato e ancora gli si mette il microfono sotto la bocca». Oggi è il giorno delle nomine pubbliche. Si parla di quote rosa e volti nuovi. «Ma cosa c’entrano le quote rosa con le nomine nelle aziende pubbliche? Il livello di stupidaggine di questo tipo di affermazioni non è misurabile, ed è mortificante per le donne essere nominate perché si è donna. Tra l’altro Renzi è solo slogan e spot. Dalle legge elettorale in poi, che ricordiamo essere un superporcellum, non ha realizzato nulla di quello che ha detto. Parliamo del Salva-Roma che ha aumentato la tassa sulla casa! Di quello che c’è dietro gli F35… I cittadini crederanno ancora alle favole o no? Questa è la vera domanda. Per il resto l’Italia non dovrebbe più affidarsi a chi dice che gli asini volano. Abbiamo miliardi di euro che vanno persi per colpa di politici corrotti, poi arriva Renzi con gli 80 in busta paga e tutti gli credono e vedono l’elemosina come qualcosa di positivo, mah… Restituissero prima i miliardi rubati con il finanziamento pubblico ai partiti, tanto per dirne una».  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]