L'editto online della Leopolda è per Il Fatto Quotidiano

14 dicembre 2015 ore 10:03, Andrea De Angelis
L'editto online della Leopolda è per Il Fatto Quotidiano
Durante la seconda giornata della Leopolda è andata in scena una pagina che sembra aver poco a che fare con la democrazia. O meglio, la stessa può facilmente dirsi democratica in quanto basata su una consultazione online, ma come minimo poco elegante visto che il voto richiesto era sulla peggiore prima pagina dei giornali. 
Una gogna ai media più che mediatica, "alla faccia dell'articolo 21 della Costituzione" dicono in molti. 

"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.
In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'Autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'Autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.
La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni".
Il primo comma riguarda il principio della libertà di manifestazione del pensiero, i seguenti cinque commi riguardano la libertà di stampa e l'ultimo comma riguarda i limiti alla libertà di manifestazione del pensiero in Italia. Un pilastro della nostra Costituzione.

Non tutti i quotidiani sono finiti in realtà nel mirino visto che ad essere attaccate sono tre testate in particolare, cioè Libero (che ha “vinto” la consultazione con il titolo «Immigrati in cattedra, lezioni porno all’asilo»), il Giornale e il Fatto Quotidiano.  
«Ciao, ciao Fatto Quotidiano», avrebbe detto ironicamente Renzi mentre sullo schermo passava il titolo “Pd, panico Grillo”, pubblicato dal giornale diretto da Marco Travaglio a ridosso delle elezioni europee. 
Il giorno dopo che noto quotidiano è stato inserito in una classifica della Leopolda a Firenze sui “peggiori titoli dei giornali” che si sono occupati del governo e lo hanno criticato, il giornale è stato distribuito gratuitamente fuori dalla stazione dove si tiene la kermesse. Questa la risposta della redazione: "All’editto bulgaro oggi segue, in scala proporzionata alla statura dei personaggi, l’edittino della Leopolda. Il Fatto ha deciso di replicare a quest’aggressione regalando il quotidiano ai partecipanti della Leopolda e ai risparmiatori truffati che protestano in piazza. Uno sberleffo cui però segue un impegno. Non smetteremo di pubblicare titoli e articoli che raccontano la verità dei fatti, senza guardare in faccia nessuno, chiunque esso sia. E continueremo a criticare o a elogiare (come abbiamo fatto sulle ultime scelte in politica internazionale) il governo a seconda di quello che fa e che merita”.
In tanti, come si legge sulle pagine del fatto, si sono rifiutati di prendere il giornale dalle mani degli strilloni e sono d’accordo con Matteo Renzi e l’organizzazione, che hanno deciso di mettere alla berlina le prime pagine non gradite. Altri però hanno trovato la scelta di cattivo gusto. 
Tra questi, via Twitter, c'è sicuramente anche Ferruccio De Bortoli


Così mentre il mondo parla di Cop 21, in Italia si torna a parlare nuovamente di articolo 21. Guarda caso proprio mentre stiamo per entrare nel ventunesimo mese del Governo Renzi. Il diciottesimo, con il relativo articolo, appartiene al passato...
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]