Orlando, Mancuso: "Maestri d'odio come Adinolfi scatenano giustificazioni ideologiche"

14 giugno 2016 ore 18:02, Andrea De Angelis
Lo avrebbe affermato anche l'ex moglie del killer: "Omar era gay". La strage di Orlando mostra un nuovo aspetto, per certi versi clamoroso. Si era parlato infatti nelle prime ore di odio omofobico di matrice religiosa. Ora i commenti cambiano, si moltiplicano. Impazzano. Il dolore per le vittime finisce, quasi, in secondo piano. IntelligoNews ne ha parlato con Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia...

Il killer di Orlando, stando alle ultime dichiarazioni, era gay. E ora c'è chi dà la colpa alle religioni monoteiste, intrinsecamente intolleranti verso gli omosessuali che, se repressi, finiscono per uccidersi o per uccidere. Come commenta?
"Mi permetta di precisare che il killer non era gay, ma forse omosessuale. Faccio questa distinzione perché le persone gay sono gli omosessuali fieri di essere tali. Probabilmente anche molti killer di altri stragi lo erano, repressi o meno. Non è tanto questo il tema, ma il fatto che quest'uomo abbia scelto di sterminare cinquanta omosessuali. Che sia stato spinto da un sentimento religioso estremista, da sue ragioni personali o da tutte e due le cose insieme, perché può anche essere così, quello che ha innescato questa furia è comunque l'odio verso gli omosessuali. O meglio verso i gay, quelli che lui percepiva come persone che riuscivano a star bene, a divertirsi e ad avere una vita normale". 

Da qui a dire che il problema sia l'assenza di leggi contro l'omofobia però ce ne passa. Siamo davanti a un folle più che a un cittadino normale, è la patologia a usare la religione o qualunque altra cosa per uccidere, o no?
"Attenzione però, noi non siamo investigatori né medici. Non si tratta di malattie mentali di chissà quale tipo, altrimenti anche per chi ha sparato al Bataclan avremmo dovuto fare questo tipo di discorso, ma sono invece persone abbastanza determinate". 

Diciamo che chi uccide 50 persone, sia a Parigi che a Orlando, tanto normale non è.
"Sì, ma non ha le attenuanti della malattia mentale". 

Nessuna giustificazione, certo. 
"Tornando alla sua domanda, le leggi contro l'omofobia servono per costruire una mentalità differente nel Paese, per impedire quegli atti violenti che possono venire dalla società. Certo non possono fermare le stragi. Distinguerei i due piani: politiche positive e leggi contro le discriminazioni servono a togliere odio nella società, ma certo stragi di questo tipo non si fermano neanche con lo schieramento di tutte le forze occidentali. Sono due livelli un po' diversi". 

Orlando, Mancuso: 'Maestri d'odio come Adinolfi scatenano giustificazioni ideologiche'
Adinolfi in una nostra intervista ha detto che non cadrà "nell'errore della comunità Lgbt che ha parlato di omofobia", dando in parte la colpa anche alla religione, in quanto potrebbe allora dire che "i gay sono assassini, visto che uno di loro ha ucciso cinquanta persone". "Questo - ha affermato - sarebbe stupido come lo è l'altra cosa". Sono dunque "strumentalizzazioni". Come risponde?

"Lui è uno di quei maestri d'odio in Italia che alimenta un clima dove poi appunto si possono giustificare alcuni matti o alcuni fanatici, dove possono cioè trovare una giustificazione ideologica su certi piani. Purtroppo il fanatismo religioso che sia cattolico, islamico o di qualunque altra matrice è un fatto che viene descritto benissimo dalle agenzie antiterrorismo". 

Ovvero?
"C'è il terrorismo islamico e c'è quello di altra matrice ed è un fatto che le comunità più colpite siano guarda caso gli ebrei, gli omosessuali e via dicendo. Capisco che Adinolfi la voglia buttare in caciara, ma io non mi presto a questo giochino". 

La libertà religiosa però va a braccetto con la libertà di pensiero, dunque va difesa o no?
"Vanno assolutamente di pari passo e continua a valere il detto 'libera Chiesa in libero Stato' e viceversa, ma poi queste teorie hanno la loro cultura più forte in quegli Stati teocratici dove la religione è Stato. Quindi viva la libera Chiesa in libero Stato".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]