Anche Pfizer contro la pena di morte, farmaci vietati per le iniezioni letali. E crollano le esecuzioni

14 maggio 2016 ore 15:04, Micaela Del Monte
Il colosso farmaceutico Pfizer ha annunciato che accrescerà i controlli sui suoi medicinali in modo che nessuno di essi venga usato per le iniezioni letali, negando di fatto la disponibilità degli ultimi farmaci impiegati nelle esecuzioni capitali.

Lo scrive il New York Times che sottolinea che più di 20 aziende farmaceutiche hanno adottato tali restrizioni, citando come ragioni posizioni etiche, ma anche motivi economici. Inoltre la decisione di uno dei più grandi gruppi del settore al mondo rappresenta un punto di svolta importante. "Con la scelta di Pfizer, tutti i farmaci approvati dall'Fda per la pena di morte non sono più in vendita", ha detto al New York Times, Maya Foa, che lavora per Reprieve, una non profit con sede a Londra che si occupa di diritti umani.
Anche Pfizer contro la pena di morte, farmaci vietati per le iniezioni letali. E crollano le esecuzioni
Pfizer ha fatto sapere che venderà i farmaci solo ad alcuni rivenditori che daranno garanzie di non farli arrivare ai dipartimenti di correzione degli Stati che applicano la pena di morte. Negli ultimi anni per evitare di essere associate con la pena di morte, molte case farmaceutiche hanno vietato la vendita dei loro prodotti ai penitenziari. Esperimenti con nuovi farmaci, una serie di esecuzioni mal riuscite e sforzi segreti per ottenere componenti chimici letali hanno spinto in tribunale diversi stati. I legali dei condannati a morte hanno aumentato la pressione sulle autorità statali, premendo per una maggiore trasparenza su come i farmaci letali sono ottenuti.
 
La mancanza di farmaci letali nei penitenziari ha quindi costretto molti stati a sospendere le esecuzioni a morte per mesi se non più a lungo. Nel 2015 si è assistito a un crollo del numero delle esecuzioni e delle condanne, scese negli Stati Uniti a livelli non visti da quaranta anni. E proprio la mancanza di medicinali è uno dei fattori che ha favorito il calo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]