Italia Futura si scioglie?

14 marzo 2013 ore 14:08, intelligo
Italia Futura si scioglie?
La strategia di Monti (oggi alla sessione del Consiglio Europeo e poi alla riunione del Ppe) ha un duplice peso. Dentro Scelta Civica, ormai sempre più orientata verso l’organizzazione e strutturazione partitica (nella complessa ricomposizione del Ppe italiano), e verso l’esterno, direzione Palazzo Chigi, alla ricerca di un governo possibile dei “riformatori e responsabili”.
La parola d’ordine, che ha circolato nella riunione degli eletti di ieri è stata, infatti, responsabilità, senso dello Stato e delle istituzioni: arrivare in qualsiasi caso ad un governo, garantire la stabilità istituzionale (“Scelta Civica come cerniera e non come vittima sacrificale di Berlusconi o Bersani”), un governo “fattore R” (responsabilità e riforme), non “il governo del Pd” o “di Cinque Stelle” o dell’ “inciucio col Pdl”, ma un “governo della nazione e della nazionale” (che potrebbe far rima col governo del presidente Napolitano, ultimo atto). La metafora che ha prevalso tra i neo parlamentari presenti ha sorpreso: oltre al confronto serrato tra le prime agitate neonate componenti montiane, l’attenzione si è concentrata su Grillo, il nemico populista e antieuropeo. Una metafora militare (in controtendenza con lo stile sobrio e moderato del gruppo): “Scelta Civica come i marines”, pronti a sbarcare nella Normandia del Palazzo, “contro i finti moralizzatori grillini che, al costo di 5mila euro lordi cadauno al mese, stipendio imposto dal Capo (gli eletti alla Camera, ad esempio, sono 108 e al Senato 54, per un totale di 166), costeranno agli italiani, la bellezza di quasi 10 milioni di euro all’anno. Scelta Civica, nei prossimi mesi, darà battaglia proprio su questo. Con la logica conclusione che ha messo d’accordo tutti. Con un’altra metafora… calcistica: “Grillo è un illusionista, uno che fa spendere i cittadini per avere giocatori alla Messi e, invece, ci regala 166 apprendisti stregoni” dalle biografie singolari: c’è lo studioso di risparmio energetico che propone il fiato animale come mezzo alternativo di riscaldamento, c’è l’ossessionato convinto che negli Usa mettano i microchip sotto pelle a tutti, ci sono mamma e figlio indivisibili, chi pensa soltanto agli ogm romagnoli, e chi non riesce a parlare con i giornalisti, dicendo che il movimento li rieducherà. Insomma, i competenti stanno da un’altra parte. “La nazionale di calcio che garantisce il prezzo del biglietto è Scelta Civica”. Che oggi deciderà i nomi eccellenti su cui puntare (i propri presidenti e i candidati alla presidenza di Camera e Senato. Il senatore Andrea Olivero è da giorni il coordinatore politico). Ma ancora non si placano le turbolenze intestine: tra i fautori del Ppe italiano (nuovo centro-destra), i centristi puri, i terzisti e gli esponenti della società civile. Come se non bastasse, pare che la componente legata a Italia Futura intenda sciogliersi per confluire direttamente nel partito (saltando direttamente le troppe mediazioni interne).
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]