Chiara Geloni: "Una carta interessante" l'anti-Renzi Speranza. "Il mio invito" a Cantone

14 marzo 2016 ore 13:42, Lucia Bigozzi
“Speranza è più giovane di Renzi, è una persona che ha tutti i fondamentali della politica giusti, è una persona pulita, una persona capace di fare un passo indietro e l’ha dimostrato. Trovo che sia una figura interessante che emerge sulla scena, una persona che ha delle carte interessanti per essere un possibile competitore di Renzi”. Muove dal “caso” Speranza l’analisi che Chiara Geloni, giornalista vicina all’area dem, argomenta nella conversazione con Intelligonews il giorno dopo la kermesse perugina della minoranza dem. Ha un messaggio anche per Raffaele Cantone sulle primarie di Napoli. 

Da D’Alema  a Speranza, cosa sta succedendo nel Pd? Scissione sempre più vicina?

«La parola scissione veramente non l’ho letta neanche nell’intervista di D’Alema. In ogni caso, la tre-giorni della minoranza dem a Perugia mi pare abbia chiarito che non è questo il punto. Come ha detto Roberto Speranza noi non è che restiamo nel Pd, noi siamo il Pd. Quindi mi sembra che il tema scissione possa essere messo da parte. La questione è dove va il Pd e come nel Pd ci si sta, perché i toni, gli argomenti usati in questi giorni da parte di Renzi, oltretutto parlando alla Scuola di formazione del partito cioè in un luogo che dovrebbe essere di tutto il partito, non rappresentano francamente una modalità accettabile da parte del segretario del gruppo dirigente, di rapportarsi alla minoranza»

E’ comunque evidente una confusione interna ed esterna ai partiti, sia di centrodestra che di centrosinistra: interna per le divisioni tra componenti; esterna perché l’elettorato si sente sempre più lontano dalle forze politiche che invece dovrebbero rappresentarlo. Cosa le dice questo segnale? 

«Mi dice che aumenterà l’astensione e dico purtroppo perché non lo considero certo un fatto positivo. Non credo che i partiti e le forze in campo stiano rispondendo bene a una domanda di buona politica e questo in parte ha delle ragioni di sistema. E’ chiaro che siamo in un periodo di passaggio che per il centrodestra coincide con il superamento della leadership di Berlusconi e per quanto riguarda il centrosinistra la trasformazione - comunque la si giudichi - che Renzi ha impresso all’identità del Pd. A me pare che in realtà in Italia esistano ancora un elettorato di destra e di sinistra. Poi, sarà interessante vedere, nonostante le contraddizioni e tensioni nella selezione dei candidati e nell’individuazione della proposta, come reagiranno gli elettori ai quali, per fortuna, spetta l’ultima parola. Vedremo, dunque, come giudicheranno le candidature e il modo in cui sono state scelte. Non dimentichiamo che le elezioni comunali si svolgono a doppio turno e non escludo che proprio questo meccanismo di voto favorisca delle convergenze da parte degli elettori su qualche candidato che potrebbe stupire. Affermo il mio ragionamento tenendo conto del fatto che oltre all’elettorato di destra e di sinistra, c’è anche un elettorato che si riconosce nella terza proposta, quella dei 5Stelle, non classificabile nello schema destra-sinistra»

Chiara Geloni: 'Una carta interessante' l'anti-Renzi Speranza. 'Il mio invito' a Cantone
Ma Speranza in un orizzonte futuro potrebbe incarnare il leader della sinistra anti-Renzi? Lei ce lo vedrebbe in questo ruolo?

«Speranza è più giovane di Renzi, è una persona che ha tutti i fondamentali della politica giusti: conosce la politica, la sa leggere e sa anche farla, è una persona pulita, una persona capace di fare un passo indietro e l’ha dimostrato. Io ho apprezzato moltissimo il fatto che Speranza ieri a Perugia abbia detto che non serve uccidere i padri per fare politica, non serve fare lo sgambetto agli altri per dimostrare di essere più bravi. Quindi, trovo che sia una figura interessante che emerge sulla scena, una persona che ha delle carte interessanti per essere un possibile competitore di Renzi. Non sto dicendo che a tavolino io o altri possiamo decidere chi è il leader del futuro perché questo sono cose che si dimostrano sul campo, quando si ha la possibilità di dimostrarlo»

Ma se la strutturazione di una componente interna al Pd che rivendica il suo spazio e la possibilità di partecipare alle scelte del partito dovesse trovarsi davanti porte chiuse da parte di Renzi o dei renziani, secondo lei Speranza dovrebbe uscire dal Pd?

«Non è Renzi a decidere se tenere le porte chiuse o aperte. Il Pd è un partito che ha meccanismi decisionali, anche congressuali, non è di proprietà di nessuno. Saranno gli iscritti, gli elettori, le persone interessate al futuro del Pd a decidere quali porte si apriranno e quali si chiuderanno. Non mi risulta che lo statuto del Pd preveda mandati a vita o destini irreversibili per il partito; sdrammatizzerei la questione della disponibilità di Renzi ad aprire o chiudere le porte del Pd e francamente non mi sembra rilevante. Se posso aggiungere …».

Prego.

«Semmai Renzi dovrebbe ricordarsi che in passato le porte sono state aperte a chi voleva competere per la leadership, al punto da modificare le regole per qualcuno. Renzi addirittura ha chiesto una modifica dei meccanismi statutari per aumentare la possibilità di contendere la leadership. Nessuno in questo momento sta chiedendo qualcosa del genere e mi pare di poter dare per scontato il rispetto dei meccanismi statutari e il fatto che a un certo punto si farà un congresso - è fisiologico – in cui si decida tutti insieme il futuro del Pd e chi lo guiderà»

Cantone sui presunti brogli alle primarie dem di Napoli ha dichiarato: “Si esagera”. Come commenta?

«Cantone è sicuramente una personalità autorevolissima, io non solo se sia un elettore del Pd che ha partecipato alle primarie, ma non mi risulta che faccia parte della Commissione di garanzia del partito che deve valutare la regolarità delle primarie. La sua opinione è autorevolissima e tutti sicuramente ne terranno conto, ma anche qui, invito al rispetto per gli organismi statutari, decisionali, collettivamente stabiliti, con i quali il Pd prende le sue decisioni»
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]