Punito il nostro divertimento e il nostro buonismo: dopo Parigi, Roma?

14 novembre 2015 ore 9:15, Adriano Scianca
Punito il nostro divertimento e il nostro buonismo: dopo Parigi, Roma?
È la notte più nera di Parigi e forse dell'Europa intera. I sette attentati che ieri sera hanno sparso sangue per le strade della capitale francese hanno lasciato un intero continente sconvolto. Il bilancio delle vittime degli attacchi terroristici è di ora in ora sempre più drammatico. Al momento si parla di almeno 126 morti e oltre 200 feriti di cui almeno 80 in condizioni critiche. Otto gli attentatori uccisi. 

Secondo le ricostruzioni che si stano susseguendo nel corso delle ore, le sparatorie sarebbero state almeno sette in diverse zone della città. Il primo attacco è avvenuto quando un kamikaze si è fatto saltare in Boulevard Voltaire senza fare altre vittime, a Rue de Charonne 18 vittime al bar La Belle Équipe, cinque morti alla pizzeria La Casa Nostra in a Rue de la Fontaine au Roi, almeno dodici morti tra Rue Alibert nel bar Le Carillon e nel ristorante Le Petit Cambodge in Rue Bichat. Poi la mattanza al Bataclan e i kamikaze allo Stade de France

Con i corpi ancora caldi e diverse situazioni ancora da risolvere, già cominciava la propaganda dell'Isis. "La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo i bambini, oggi beve dalla stessa coppa": è quanto afferma il canale Dabiq France (la rivista francese dello Stato islamico) assumendo la paternità degli attentati. Poi un susseguirsi di macabri proclami, uno dei quali gela il sangue nelle vene: dopo Parigi, ora "tocca a Roma, Londra e Washington". 

Il riferimento alla capitale italiana potrebbe non essere una semplice boutade. Il Giubileo che partirà l'8 dicembre rappresenta infatti un possibile catalizzatore dell'odio estremista. Fino agli attentati parigini, in realtà, i segnali mandati dal Vaticano erano distensivi. Ora, però, bisognerà rivedere tutto. 

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano annuncia l’innalzamento delle misure di sicurezza, mentre il premier Renzi indirizza il cordoglio alla Francia: “L’Italia piange le vittime di Parigi e si unisce al dolore dei fratelli francesi. L’Europa colpita al cuore saprà reagire alla barbarie”. Alfano ha convocato per sabato mattina alle ore 9.30 il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica che sarà in via eccezionale presieduto dallo stesso premier.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]