Ncd, Quagliariello si dimette da coordinatore. Ecco chi potrebbe seguirlo

14 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Ncd, Quagliariello si dimette da coordinatore. Ecco chi potrebbe seguirlo
Lo strappo definitivo sarebbe soltanto questione di ore. 

Gaetano Quagliariello si è dimesso da coordinatore nazionale del Nuovo centrodestra e sarebbe con tutti e due i piedi fuori dal partito e dalla maggioranza. 

Del resto lo aveva già annunciato con la dichiarazione di voto in aula a Palazzo Madama sulla riforma del Senato. 
“Si è chiusa una fase politica – aveva dichiarato l'ormai ex coordinatore nazionale Ncd – iniziata con la rielezione di Giorgio Napolitano e  l’impegno a portare in porto le riforme costituzionali ed economiche”

Secondo indiscrezioni Guagliariello dovrebbe essere seguito da sette senatori e cinque deputati. Della nuova squadra farebbero parte Eugenia Roccella, Carlo Giovanardi, Vincenzo Piso, Andrea Augello e Nico D'Ascola. 

Ex forzisti, ex Udc ed ex An che si ritroverebbero quindi uniti dalla volontà di rompere l’alleanza con il Partito Democratico di Renzi e tornare nell’area del centrodestra. Non però andando in processione ad Arcore con il “capo cosparso di cenere” come ha fatto Nunzia De Girolamo, ma ricostruendo un’alternativa non berlusconiana al Pd

Un’alternativa che passerebbe dall’abbraccio con altri interlocutori che si starebbero muovendo nell’area moderata, personalità come Raffaele Fitto, Diego Della Valle, Corrado Passera. 

Agli scontenti dell’Ncd guarderebbe anche Denis Verdini il quale nelle ultime ore avrebbe intensificato il pressing su alcuni ex amici del Pdl, poi passati nell’esercito di Alfano, per convincerli ad aderire ai suoi gruppi e andare, in un futuro non molto lontano, a popolare le fila del nuovo Partito della Nazione caldeggiato da Renzi. 

Chi sembra dunque ormai deciso a separare i suoi destini da quelli del Ministro dell’Interno è Guagliariello da tempo scontento per il ruolo di secondo piano che gli sarebbe stato ritagliato nel partito. Il ruolo di coordinatore nazionale Ncd non lo avrebbe affatto soddisfatto facendolo apparire come l'eterno secondo o terzo di Alfano. 

Un modo quindi per diventare leader dell’ennesimo partitino dell’1%?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]