Il Chelsea fa tremare Conte e si "prende" Nike per 900 milioni

14 ottobre 2016 ore 9:24, Andrea De Angelis
Ha fatto sognare l'Italia di vincere un trofeo internazionale dieci anni dopo Berlino. Poi è passato, come largamente anticipato, da un azzurro a un altro, quello del Chelsea. Una squadra forte e blasonata, ma probabilmente non la più competitiva del campionato inglese. Inferiore, tanto per essere chiari, alle due compagini di Manchester. Per questo qualcuno già ha iniziato a parlare in quel di Londra di un suo possibile esonero. Poi, nelle ultime ore, è successo di tutto. E il futuro di Antonio Conte torna nuovamente roseo

L'accordo tra Chelsea e Nike per i prossimi tre lustri riempie di denaro le casse del club. L'intesa è stata trovata sulla base di cifre da capogiro: l'azienda americana corrisponderà al Chelsea la bellezza di 68 milioni di euro l'anno (60 milioni di sterline) per quindici stagioni, fino al 2032. Sono numeri che fanno impallidire i 30 milioni annui (circa 35 milioni di euro) che i Blues percepivano dall'Adidas. 

E con i soldi del primo anno il Chelsea di Antonio Conte potrebbe tentare l'assalto a quello che è un pupillo dell'ex commissario tecnico della Nazionale. Leonardo Bonucci infatti, tentato già in estate, potrebbe lasciare Torino il prossimo anno laddove dovesse fallire ancora l'assalto alla Champions League. Difficile invece una cessione già a gennaio, considerando anche i problemi fisici di Zebina e Rugani, nonché l'impossibilità per gli inglesi di schierare il giocatore nelle competizioni internazionali.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]