Assunzioni statali, Sapelli: “Ottimo: stanno sforando il 3% e andando contro il Fiscal Compact"

14 ottobre 2016 ore 12:32, Lucia Bigozzi
“E’ un’ottima cosa: stanno sforando il 3 per cento e andando contro il Fiscal Compact, i soldi si tirano fuori da lì”. “Bisogna uscire un po’ da questa schermaglia Renzi-referendum: il problema è che l’Europa così com’è, non sta in piedi. Dopo la Brexit niente è come prima e credo che tra un po’ ci sarà il ‘liberi tutti’ dalla spesa…”. Sono due concetti-chiave dell’analisi dell’economista Giulio Sapelli nell’intervista con Intelligonews sull’opzione 10mila assunzioni lanciata dal premier. 

Rimborso pieno per le seconde case dei terremotati, diecimila assunzioni tra medici, infermieri e forze dell’ordine: dove stanno i soldi? 

"Stanno sforando il 3 per cento e andando contro il Fiscal Compact, è un’ottima cosa, i soldi si tirano fuori da lì. D’altra parte, se vogliamo uscire dalla deflazione… Mi rendo perfettamente conto che potrebbe esserci il sospetto di una iniziativa che avviene prima delle elezioni…"

Assunzioni statali, Sapelli: “Ottimo: stanno sforando il 3% e andando contro il Fiscal Compact'
E’ la seconda domanda per lei: può essere una strategia pro-referendum? Avanti con gli annunci, quanto è alto il rischio che da qui a un anno restino inattuati? 

"Tutto dipende da come evolvono le cose in Europa, perché dopo la Brexit niente è come prima. Bisogna uscire un po’ da questa schermaglia Renzi-referendum: il problema è che l’Europa così com’è, non sta in piedi e quindi tutti cercano di uscirne, anche la Germania ha la spada di Damocle di Deutsche Bank. Credo che fra un po’ ci sarà un ‘liberi tutti’ per quanto riguarda la spesa, perché non si può andare avanti così. Adesso le notizie che arrivano dalla Cina sono preoccupantissime, c’è una crisi in corso; quindi ho l’impressione che tra un po’ si riscriveranno le regole". 

Renzi dice “basta con gli impiegati alla Checco Zalone: significa che ci sarà in giro di vite nei confronti di chi non fa il proprio dovere e che magari per 10mila che entrano nella pubblica amministrazione ci saranno i ‘furbetti’ che escono? 

"La mia idea è che sulle proposte che si stanno elaborando per il pubblico impiego mi pare si stia dicendo che si premierà di più il merito e si faranno delle analisi un po’ più puntuali. Auspico che non vi sia più questa caccia all’uomo nel pubblico impiego, perché il refrain dei fannulloni mi sembra un po’ troppo scandalistico; se si va a vedere in che condizioni lavorano e quanto pochi soldi prendono, non mi sentieri più di partecipare al coro di quelli che vedono negli impiegati pubblici il male assoluto. Io di Stella e Rizzo ne ho piene le tasche…, se uno va a vedere il Corriere della Sera del 1919-1920 trovava le stesse cose, quindi francamente non guardo Checco Zalone così come non guardo Crozza… sono veramente stufo".  

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]