Cacciari, Boschi arrogante sulla sfiducia dei 5Stelle? “Imita il capo”

15 dicembre 2015 ore 13:29, Lucia Bigozzi
Cacciari, Boschi arrogante sulla sfiducia dei 5Stelle? “Imita il capo”
“Le colpe dei padri non devono necessariamente ricadere sui figli. La vicenda personale è secondaria rispetto allo scandalo di come funzionano alcune banche e il sistema dei controlli”. Boschi arrogante coi 5Stelle? “Ha l’atteggiamento del suo capo”. Sono due punti sui quali il filosofo Massimo Cacciari - nella conversazione con Intelligonews - concentra l'analisi sul post-Leopolda, nel giorno della mozione di sfiducia contro il ministro renziano a l'avvio delle indagini per gli ex vertici di Banca Etruria accusati di "conflitto di interessi". 

Dal j’accuse di Roberto Saviano a una Leopolda attraversata dal “caso Boschi”. Lei che idea si è fatto?

«Le colpe dei padri non devono necessariamente ricadere sui figli. Mi pare del tutto secondaria la vicenda personale rispetto allo scandalo di come funzionano alcune banche in assenza di trasparenza, del problema dei controlli, Bankitalia, Consob: questi sono punti veri, non certo il ministro Boschi. Non è la prima volta che Saviano critica il governo, però - ripeto – è del tutto ridicolo prendere il pretesto di questa vicenda per attaccare la Boschi e il governo, quando il tema centrale è come funzionano alcune banche e le strutture di controllo»

C’è chi ha definito “arrogante” la risposta della Boschi ai 5S sulla mozione di sfiducia, rilevando come anziché replicare sul merito delle contestazioni, il ministro abbia lanciato una sfida d’Aula. Che ne pensa? 

«La Boschi ha l’atteggiamento generale del suo capo, cioè di Renzi. Un atteggiamento che si trasmette anche ai suoi vassalli e valvassori. Renzi è arrogante, è il suo carattere, è fatto così. Perché il ministro Boschi non dovrebbe imitare il capo?».

Gli ex vertici di Banca Etruria sono indagati anche per “conflitto di interessi”, parola-chiave che torna in primo piano. Qual è la sua valutazione?

«Non c’è una legge sul conflitto di interessi e molte volte se ne parla in modo spropositato. Il conflitto di interessi va ben determinato e ben definito. E’ chiaro che c’è conflitto di interessi in sé per un funzionario di banca che ha tutto l’interesse a stipulare contratti con i clienti di vario genere, a prescindere dalla trasparenza, ma come si fa a eliminarlo? Ci cono conflitti di interessi ineliminabili e altri che fanno parte di alcune professioni e mestieri; per questo è una cosa difficile da determinare e definire e per questo occorre metterla in mano a strutture competenti evitando di bloccare tutto, perché se devono cominciare a fare una gare stabilendo che non la può vincere mio cugino di decimo grado piuttosto che il tipo col quale mi è capitato di giocare a calcetto o a golf, allora si immobilizza tutto. Anche per questo, servono giuristi bravi. Le forze politiche facciano scelte che evitino di ingessare il sistema e definiscano con precisione l’area di conflitto di interessi da colpire»

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]