Palloncini bianchi contro il cancro infantile, l'Italia in piazza per ricerca e prevenzione

15 febbraio 2016 ore 17:03, Americo Mascarucci
Palloncini bianchi contro il cancro infantile, l'Italia in piazza per ricerca e prevenzione
Palloncini bianchi lanciati in molte città italiane da ospedali, scuole, piazze, per la XIV Giornata Internazionale contro il Cancro infantile, istituita nel 2001 da Childhood Cancer International, network globale che rappresenta quasi 200 associazioni locali e nazionali, guidate da genitori, provenienti da 90 Paesi.
Secondo il rapporto 2012 dell’AIRTUM, l’Associazione Italiana Registri Tumori, ogni anno in Italia circa 1380 bambini e 780 adolescenti si ammalano di tumore.
Tra il 2003 e il 2008 ogni anno in Italia si sono diagnosticati mediamente 164 casi di tumore maligno per milione di bambini (0-14 anni) e 269 casi per milione di adolescenti (15-19 anni). Questi tassi d’incidenza sono ancora relativamente elevati se paragonati a quelli registrati negli Stati Uniti e nei paesi dell’Europa settentrionale.
Tuttavia l’aumento dell’incidenza dei tumori infantili registrato in Italia fino alla seconda metà degli anni ’90 si è ora arrestato: nell'ultimo decennio l’andamento dell’incidenza di tutti i tumori maligni nei bambini (età 0-14 anni) è stazionario.
Al contrario negli adolescenti (età 15-19 anni) l’incidenza è aumentata in media del 2% l’anno: soprattutto nelle femmine (+2%), per lo più linfomi di Hodgkin, mentre in entrambi i sessi si registra un aumento dei tumori della tiroide (+8%).
Rispetto agli anni Settanta, quando la guarigione era inferiore al 40%, ora si supera l’80%, grazie ai progressi messi a segno dalla ricerca biologica e clinica e all'uso di protocolli cooperativi nazionali ed internazionali sempre più efficaci. In alcune patologie la sopravvivenza supera il 90% dei casi, mentre in altre i risultati sono molto inferiori.
La Giornata Mondiale contro il cancro infantile è stata indetta proprio per sottolineare l’impegno dei genitori italiani nella lotta contro i tumori infantili, nello sviluppo della cultura della prevenzione e della tutela dei diritti del bambino e dell’adolescente colpito da questa malattia.
Per l’occasione è stata anche incisa una canzone, “We are one” per rendere omaggio a tutti i bimbi e in particolare a quelli impegnati nella coraggiosa lotta contro il cancro. La canzone è stata scritta da Christophe Beck, il compositore noto per aver scritto Frozen, colona sonora del film Disney.
Naturalmente oltre alla campagna informativa di diffusione dei dati e il sostegno che si intende dare alle famiglie colpite, la Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile si propone di sensibilizzare gli investimenti nella ricerca.
Attualmente meno del 10% di bambini con recidiva multipla ha accesso a nuovi farmaci antitumorali, principalmente perché vi sono dei regolamenti e protocolli vincolanti ma anche ritardi sulla sperimentazione clinica in fascia pediatrica rispetto all’età adulta e pochi finanziamenti delle case farmaceutiche in questo campo. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]