Gli Emirati Arabi si tengono Matacena

15 luglio 2014 ore 10:39, Andrea De Angelis
Gli Emirati arabi hanno rigettato la richiesta di estradizione della Dda di Reggio Calabria per Amedeo Matacena, l’ex deputato di Forza Italia condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, attualmente latitante a Dubai.  

Gli Emirati Arabi si tengono Matacena

  Lo ha reso noto uno dei difensori dell’ex parlamentare, l’avvocato Enzo Caccavari, che spiega: “Le ragioni sono l’insussistenza del reato e l’indeterminatezza dei fatti come ripresi nella richiesta del ministero della giustizia dove si confondeva la partecipazione col concorso esterno”. Le autorità degli Emirati non avrebbero neppure atteso di ricevere la traduzione del dispositivo della Cassazione, con il quale a fine giugno scorso per l’ex deputato è stata rideterminata la pena per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa da 5 a 3 anni. La decisione sarebbe stata quindi presa sulla base della precedente condanna definitiva a 5 anni di reclusione del giugno 2013. La richiesta di estradizione per l’ex parlamentare era stata avanzata dall’antimafia di Reggio Calabria nell’ambito dell’inchiesta sugli appoggi di cui l’ex parlamentare avrebbe beneficiato per sottrarsi all’arresto dopo la condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa. Appoggi che sarebbero stati dati, tra gli altri, anche da Claudio Scajola e Chiara Rizzo, entrambi ora ai domiciliari.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]