Mammasantissima che cupola: 'Ndrangheta "massonica" con senatore, 5 arresti

15 luglio 2016 ore 13:58, intelligo
Dalle prime luci dell'alba, i carabinieri del Ros di Reggio Calabria stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare, emessa su richiesta del pm Giuseppe Lombardo della Distrettuale antimafia nei confronti di 5 persone, tutte accusate di associazione mafiosa, traffico di influenze e altri reati. L'operazione, Mammasantissima, è sicuramente di grande rilievo nazionale.

Fra loro, come riportano le principali agenzie, c'è anche il senatore di Gal, Antonio Caridi, per il quale bisognerà attendere l'autorizzazione del Senato. In manette sono finiti anche l'ex sottosegretario regionale Alberto Sarra, storico braccio destro dell'ex governatore calabrese Giuseppe Scopelliti e l'imprenditore Francesco Chirico
Si tratterebbe dei cosiddetti "invisibili", la parte più nascosta della 'Ndrangheta e, forse, anche quella che detiene il maggior potere in termini di incontri e decisioni. La cupola, scrive Repubblica, "che ha permesso ai clan di prendere parte come interlocutore indispensabile ai più importanti tavoli di discussione politica, economica e finanziaria, in Calabria e non solo". 

Mammasantissima che cupola: 'Ndrangheta 'massonica' con senatore, 5 arresti
Al centro dell’inchiesta del pm Lombardo
c’è più di qualche tornata elettorale per la quale “la ‘ndrangheta ha svolto un ruolo di primo piano nell’individuazione di propri affiliati da candidare a livello locale e da proiettare nel parlamento nazionale”. Non è un caso che con i due politici, scrive Il Fatto Quotidiano, siano stati destinatari del provvedimento di arresto Paolo Romeo e Giorgio De Stefano ritenute le due teste pensanti della ‘ndrangheta.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]