Puglia, salgono a 6 gli indagati: anche vertici Ferrotramviaria

15 luglio 2016 ore 16:13, intelligo
Da due a sei. Aumentano gli indagati per la tragedia ferroviaria di Corato che ha scosso la Puglia e l'Italia intera. Uno degli incidenti ferroviari più gravi di sempre, sul quale continuano le indagini. E domani, questa la notizia dell'ultima, bandiere a mezz'asta in tutto lo Stivale. 

Sono quattro i nuovi indagati, sei in tutto compresi i due capistazione di cui si è avuta notizia ieri, nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Procura della repubblica del Tribunale di Trani sul disastro ferroviario accaduto martedì mattina sulla linea Andria-Corato dove sono morte 23 persone e un'altra cinquantina sono rimaste ferite.
Si tratta, come riporta l'Adnkronos, di Massimo Nitti, 63 anni, direttore generale di Ferrotramviaria Spa, Gloria Pasquini, 65, presidente del consiglio di amministrazione e rappresentante legale della stessa società, Nicola Lorizzo, 60, capotreno di uno dei due convogli, peraltro rimasto ferito in modo grave, Michele Ronchi, 54, procuratore speciale e direttore di esercizio. Si aggiungono a Vito Piccarreta, 59 anni, e Alessio Porcelli, 63, entrambi capistazione in servizio al momento dello scontro tra i due convogli rispettivamente ad Andria e a Corato.

Puglia, salgono a 6 gli indagati: anche vertici Ferrotramviaria
La notifica dell'avviso di garanzia si è resa necessaria, come riporta sempre la nota agenzia, dovendosi procedere ad accertamenti tecnici irripetibili, in particolare all'autopsia prevista a partire da questo pomeriggio alle 16 nell'Istituto di medicina legale del Policlinico di Bari, a cura del professor Francesco Introna, sui corpi dei due macchinisti Pasquale Abbasciano e Luciano Caterino e dell'altro capotreno Albino De Nicolo,tutti e tre periti nell'incidente. Proprio stamane è stato conferito l'incarico al medico legale.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]