Buona Scuola, parla Malan (Fi): “Pd fissato con la teoria gender: se italiani sapessero la verità..."

15 maggio 2015, Andrea Barcariol
Buona Scuola, parla Malan (Fi): “Pd fissato con la teoria gender: se italiani sapessero la verità...'
Intervistato da IntelligoNews, Lucio Malan, senatore di Forza Italia, non ha dubbi sulle finalità dell’emendamento sulla parità di genere inserito all’interno del ddl Scuola, da oggi all’esame della Camera (mercoledì prossimo è previsto il voto finale).

Anche nella riforma della scuola c’è un emendamento sulla parità di genere. E’ l’ennesimo tentativo del governo di far passare la teoria gender?

«Direi che questa è una fissazione
 del Pd che cerca di passare come un partito moderato. Si tratta di un estremismo ideologico voler imporre a tutti, a cominciare dai bambini, una teoria nata nell’ambito dell’estremismo femminista americano. Ormai la inseriscono ovunque, la finalità di questo emendamento è chiara, nonostante il linguaggio in codice che viene usato. Così come ormai è chiaro che essere favorevoli ai diritti significhi essere a favore dei matrimoni gay, delle adozioni e dell’utero in affitto. Parità di genere vuol dire andare nelle scuole a spiegare che avere un padre e una madre è una delle tante possibilità, si possono avere benissimo 2 padri o 2 madri. Dal momento che si dice che i bambini nascono sotto i cavoli e i cavoli si comprano al mercato, si possono comprare da soli, con la moglie o con il compagno. Di conseguenza bisogna spiegare ai bambini che essere stati comprati da 2 uomini è una cosa perfettamente normale».

Perché non si cerca mai la discussione e il confronto su questo argomento?


«Perché il Pd sa che la stragrande maggioranza è già contraria sia al matrimonio gay sia alle adozioni gay. Gli italiani sarebbero ancora più contrari se si potesse realmente mostrare loro con quale ipocrisia e subdoli metodi queste cose vengono fatte passare. Ad esempio il Pd nega che nel ddl Cirinnà ci siano i matrimoni gay e le adozioni mentre invece c’è scritto in maniera chiarissima. Gli italiani dovrebbero sapere che accettare il matrimonio gay vuol dire che i loro figli e i loro nipoti saranno indottrinati nelle scuole, e se loro si opporranno a questi insegnamenti rischieranno addirittura penalmente per incitamento all’odio, alla discriminazioni o altre fesserie del genere».

In Senato ci saranno le “correzioni radicali” al ddl scuola, come auspicato anche da Fassina?


«Come sempre dipenderà da quanti voteranno coerentemente rispetto a ciò che dicono. Avevamo sentito promettere sfracelli anche sulla legge elettorale, ma non ci sono stati. Adesso vedremo anche se Ncd sarà disponibile a votare un provvedimento che include l’indottrinamento gender. Tale indottrinamento è stato già delineato dal dicembre 2013, guarda caso un mese dopo la nostra uscita dalla maggioranza, con il documento del Miur/Unar sulla “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”. E’ già scritto tutto lì, questo documento contiene la messa al bando di tutti coloro che dicono che i bambini nascono da un padre e da una madre mentre è ritenuto normalissimo che 2 uomini o 2 donne abbiano un figlio che non si deve neanche chiamare figlio adottivo. Tutto ciò è stato scritto non da un movimento estremista che sostiene il governo, ma da un ufficio che può mettere sui documenti il timbro della Presidenza del Consiglio».

Preoccupati per le condizioni di Berlusconi dopo il malore di ieri?

«Si è ripreso, credo fosse una cosa da poco, tanto è vero che si è rimesso rapidamente ed è pronto per impegnarsi a fondo per le regionali».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]