"Effetto Expo", legge contro lo spreco alimentare alla Camera: sì alle sanzioni

15 marzo 2016 ore 8:10, Adriano Scianca
La lotta allo spreco alimentare adesso diventa una legge. Si tratta di un provvedimento che mette insieme alcune proposte di legge e l’obiettivo è duplice: ridurre gli impatti deleteri sull’ambiente e le risorse presenti in natura e diminuire la quantità di rifiuti che vengono prodotti e che dunque provocano una diretta conseguenza proprio sull’eco-sostenibilità ambientale. C’è dell’altro: la proposta di legge che a breve sarà discussa in parlamento vuole incentivare il recupero e la donazione di prodotti rimasti invenduti destinandoli ad iniziative di solidarietà sociale rivolte alle persone più deboli e in difficoltà economiche. E di questi tempi sappiamo tutti qual è la situazione nelle città dove viviamo. Tra le priorità che la legge si propone c’è anche il raggiungimento degli obiettivi generali stabiliti dal Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti e dal Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare e agli obiettivi di riduzione dello smaltimento in discarica dei rifiuti biodegradabili. Con la nuova legge sarà istituito un Fondo nazionale per la ricerca scientifica finalizzata a limitare gli sprechi delle risorse naturali. 

'Effetto Expo', legge contro lo spreco alimentare alla Camera: sì alle sanzioni
Un plafond di 10 milioni di euro è lo stanziamento iniziale preventivato per il 2016. Obiettivo principale nella destinazione delle risorse è quello di sostenere e agevolare progetti territoriali degli enti locali per il recupero e il riuso delle eccedenze e per la limitazione degli sprechi, di campagne informative istituzionali e di progetti educativi finalizzati a sensibilizzare i cittadini sull'uso consapevole delle risorse e sulla sostenibilità ambientale. Tra le peculiarità della legge, infine, ci sono una serie di norme in materia di tassazione sui rifiuti. I soggetti titolari di reddito d'impresa che faranno investimenti ambientali e ad alto contenuto innovativo sarà attribuito un credito di imposta nella misura del 15 per cento delle spese sostenute.  Oggi la legge comincia il suo iter in parlamento: a Montecitorio da oggi si discuteranno le linee generali del testo unificato che reca il titolo “Proposte di legge concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechii”. Soddisfatto il ministro dell’agricoltura Maurizio Martina secondo la legge “rappresenta una delle eredità dirette di Expo Milano 2015. Finalmente l'Italia si potrà dotare di una norma che rafforza il lavoro di contrasto a un fenomeno che solo da noi vale più di 12 miliardi di euro all'anno”. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]