Fb, "felicissimo" per morte di "un terrone" 17enne. Denunciato, era sotto falso nome

15 marzo 2016 ore 23:59, intelligo
Il ragazzo oggetto di questa orrenda storia è un 17enne morto in un incidente stradale a Siracusa. Su Facebook oltre al cordoglio è apparsa una frase vergognosa che sta scatenando l'indignazione del web: “Sono felicissimo, un terrone in meno da mantenere”. La disumanità che ha investito Stefano Pulvirenti, morto 17enne non è stata l'unica.
"Quando vedo queste immagini e so che nella bara c’è un terrone ignorante, godo tantissimo. Peccato che ero al nord, altrimenti avrei cagato su quella bara bianca. Buonasera terroni merdosi. Non è morto nessun altro di voi oggi?”, era stato anche scritto. La gravità delle frasi aveva reso necessarie le indagini penali aperte dal procuratore della
Fb, 'felicissimo' per morte di 'un terrone' 17enne. Denunciato, era sotto falso nome
Repubblica di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, e il sostituto, Antonio Nicastro (che hanno chiesto l'aiuto degli investigatori specializzati del Nucleo Investigativo che hanno operato sui tracciamenti telematici) che rispetto alla vicenda sono stati molto duri: "Tra le varie forme di povertà, la povertà morale è quella che rischia di mettere a maggiore rischio la dimensione umana". Alla fine un 40enne residente nel torinese, precisamente un operaio di Settimo Torinese, è stato rintracciato e denunciato per diffamazione aggravata da finalità di odio razziale dalla Procura di Siracusa.
Ora giudicheranno i magistrati del tribunale di Siracusa.

Ovviamente le frasi sono lesive della sensibilità dell’intera comunità siracusana, per di più fatte sotto smentite spoglie, cosa ancora più vigliacca, perché nascondersi dietro il nome di Elisa Covello non è certo una scelta che racconta il coraggio delle idee. 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]