Isis, scoperti i corpi di 80 donne yazide in una fossa comune a Sinjar

15 novembre 2015 ore 11:11, Adriano Scianca
Isis, scoperti i corpi di 80 donne yazide in una fossa comune a Sinjar
Se l'Isis porta l'orrore a Parigi, nei territori sotto il dominio diretto del Califfato esso non se n'è mai andato. Nella città di Sinjar, nel nord ovest dell’Iraq, infatti, è stata ritrovata una fossa comune con i resti di 80 donne della minoranza Yazidi

La tragica scoperta è stata realizzata dai Peshmerga curdi, nel nord-ovest dell’Iraq, dove ieri sono riusciti a strapparla alle milizie dello Stato Islamico. A divulgare la notizia è stato il sito curdo “Rudaw”.

Le vittime, a quanto sembrerebbe, sono state assassinate nell’estate del 2014, proprio quando i jihadisti s’impadronirono di Sinjar e l’odio dei fondamentalisti si è riversato su una minoranza considerata eretica e adoratrice del diavolo. Migliaia di donne yazide sono state ridotte in schiavitù sessuale in seguito alla presa di Sinjar. I jihadisti le hanno stuprate e massacrate perché infedeli.

Il sito “Rudaw” ha anche postato un video in cui mostra i resti degli oggetti appartenuti alle vittime (vestiti, scarpe, banconote) ritrovati nella fossa. Secondo il capo della sicurezza locale Qasim Simo, nell’area dovrebbero esserci una quindicina di fosse simili a questa. Già nell’agosto del 2014 erano stati trovati centinaia di cadaveri seppelliti in delle fosse nei dintorni della città di Sinjar.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]