Centrodestra, Rampelli (FdI): "Lotta fra Salvini e Parisi? Primarie normate. Se vince il No urne a giugno"

15 novembre 2016 ore 17:11, Americo Mascarucci
"Le ambizioni sono legittime ma poi devono essere i cittadini a scegliere il candidato del centrodestra alla Presidenza del Consiglio. Altrimenti non ne usciremo mai".
Fabio Rampelli capogruppo di Fratelli d'Italia al Senato commenta ad Intelligonews le dichiarazioni di Silvio Berlusconi che ha invitato sia Stefano Parisi che Matteo Salvini a placare le rispettive ambizioni da leadership.

Berlusconi richiama Salvini e Parisi sostenendo che la loro corsa alla leadership danneggerebbe l'unità del centrodestra. Fratelli d'Italia come si colloca?

"Noi riteniamo che in una coalizione sia legittimo avere ambizioni, ma che in democrazia debbano essere i cittadini elettori a scegliere il candidato della coalizione alla Presidenza del Consiglio. Approfittando del fatto che Renzi ha messo in discussione l’Italicum, chiediamo a tutto il centrodestra, in testa a tutti a Berlusconi, di compattarsi intorno ad una proposta di nuova legge elettorale che preveda primarie normate per legge e sottratte ai giochi dei partiti. Questa è l’unica soluzione al problema che tutte le coalizioni hanno, ossia la scelta della leadership. E' naturale che in uno schieramento ci si candidi a rappresentare istanze e sensibilità diverse ma devono essere gli elettori a decidere da chi farsi guidare e con quale programma di governo. Certe scelte non si possono fare nel chiuso delle stanze, né ad Arcore, né nella sede della Lega Nord, né in quella di Fratelli d'Italia". 

La vittoria di Trump ripropone il tema di come dovrà essere il centrodestra italiano : con trazione a destra come chiede Salvini o al centro come vogliono Berlusconi e Parisi?

"Serve un centrodestra ampio che raccolga tutto ciò che è alternativo alla sinistra. Dentro ci devono stare i populisti e quelli che impropriamente vengono definiti moderati. E ribadisco quel che ho detto sopra: devono essere gli elettori a scegliere il leader e il programma con le primarie"

Intanto però Berlusconi ha già detto che in caso di vittoria del No al referendum del 4 dicembre si dovrà lavorare ad un progetto di riforma condiviso. Salvini invece vede solo elezioni. Quindi?

"Ho l’impressione si faccia un gran clamore su cose banali. Se vince il No Renzi deve salire al Quirinale e dimettersi restando in carica il tempo stretto e necessario ad approvare una nuova legge elettorale. Non può esserci un altro governo. Massimo a giugno 2017 si dovrà tornare al voto".

Ma con quale legge elettorale?

"Le leggi elettorali si fanno in Parlamento e non sono competenza dei governi, dal momento che sono in ballo i diritti di tutti. Il Governo deve svolgere un ruolo di coordinamento componendo il quadro e cercando di elaborare una proposta di riforma il più largamente condivisa dopo aver consultato i capigruppo parlamentari. Poi sarà il Parlamento a decidere. La nostra proposta è chiara. Noi proponiamo una legge elettorale che abbia al suo interno primarie normate per legge. Non primarie farsa come quelle del Pd, ma primarie regolate da norme scritte e valide per tutti. Credo che su questa proposta il centrodestra debba presentarsi unito, visto che anche dalle parti del Pd la proposta appare largamente condivisa".

Intanto però Forza Italia ha defenestrato il sindaco leghista di Padova e il Carroccio minaccia di fare altrettanto a Venezia.

"Il tema è sempre lo stesso, non sono chiare le regole di ingaggio e si mostrano i muscoli a scapito dei cittadini. Siamo passati da una prima repubblica caratterizzata da partiti pesanti, fatti di apparati farraginosi e da burocrazie soffocanti, ad una seconda repubblica a democrazia sospesa con i partiti che sceglievano i candidati da piazzare nei collegi blindati quando c'era il maggioritario e poi nominavano i parlamentari con le liste bloccate. La terza repubblica deve saper coniugare leaderismo e partecipazione evitando che siano le oligarchie partitiche a decidere. Altrimenti il rischio sarà sempre quello di regolare i conti mostrando i muscoli e penalizzando la qualità delle amministrazioni e dei governi".
Centrodestra, Rampelli (FdI): 'Lotta fra Salvini e Parisi? Primarie normate. Se vince il No urne a giugno'




caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]