Gli europarlamentari, poverini, se la prendono con le transumanze scomode

15 ottobre 2013 ore 18:19, Marta Moriconi
Gli europarlamentari, poverini, se la prendono con le transumanze scomode
Basta con il «circo viaggiante» del Parlamento europeo! Non fosse mai che gli europarlamentari guadagnino troppo… e fatichino anche troppo
. Ogni  mese si compie la transumanza da Bruxelles a Strasburgo per le sue sessioni plenarie. Ma ora basta. La Commissione Affari Costituzionali (Afco), presieduta da Carlo Casini, ieri ha approvato a larghissima maggioranza (22sì, 4 no) un rapporto che chiede l’avvio della procedura di revisione dei Trattati. Tutto perché la sede principale di lavoro dell’Eurocamera è a Bruxelles, mentre a Lussemburgo sono dislocati alcuni servizi amministrativi ed il servizio traduzioni. Ovviamente il tutto contro un funzionamento anacronistico e lo spreco di denaro pubblico, che hanno tanto a cuore questi parlamentari trans-nazionali. Almeno questa volta. Ma c’è un problema. La ferma opposizione ’bipartisan’ della Francia che nasconderebbe la paura di una ricaduta economica sulla regione. Per modificarli, comunque, servirà l’unanimità dei 28 e quindi anche della Francia, che non cambierà facilmente opinione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]