Tana per Aurous, come funziona la nuova app-music e perchè fa infuriare Spotify

15 ottobre 2015, intelligo
Tana per Aurous, come funziona la nuova app-music e perchè fa infuriare Spotify
Si chiama Aurous. Per addetti ai lavori e appassionati, cosa sia è già noto. Ma per gli utenti curiosi o solo interessati a conoscere l’ultima novità nel campo delle nuove tecnologie, vale la pena cominciare dal cosa è Aurous.

Si tratta di una app di ultima generazione in campo musicale che consente all’utente di scegliere tra un catalogo di musica. E fin qui niente di strano se non fosse che secondo l’Associazione Americana dell’Industria Discografica non avrebbe le licenze necessarie. Come funziona? Aurous dà la possibilità di ascoltare gratis musica in streaming attraverso torrent. Ma la RIAA, cioè Recording Industry Association of America, ha alzato il dito. Anzi, è andata oltre perché avrebbe annunciato una causa legale con l’obiettivo di interrompere il servizio. 

La nuova app, insomma, non piace ai colossi discografici a stelle e strisce ma pure alla galassia dei servizi in streaming di musica quali ad esempio Spotify, marchio leader nel mondo della musica in streaming legale. Ma la stessa Associazione americana dell’Industria Discografica sarebbe finita al centro della querelle sull’evoluzione del peer-to-peer, ovvero l’MP3 e la condivisione di file. La tutela delle prerogative delle major da molti è stata vista con occhio critico perché considerata un comportamento penalizzante nei confronti di artisti e consumatori. 

Come andrà a finire? La battaglia, pare di capire, è solo all’inizio. 

LuBi




autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]