Referendum sul tavolo del Cdm il 26 settembre: le ipotesi in campo

15 settembre 2016 ore 17:00, Adriano Scianca
Si aspettavano con ansia notizie sul giorno in cui si svolgerà il referendum costituzionale, ebbene ora almeno una data c'è: è il 26 settembre. Non è la data del referendum, ovviamente, ma il giorno in cui questa verrà decisa in Consiglio dei ministri. Ad annunciarlo è stato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, ospite di Unomattina. “Il 26 settembre ci sarà il Consiglio dei ministri - ha annunciato - e deciderà la data, tutto come prevede la legge”. 

Referendum sul tavolo del Cdm il 26 settembre: le ipotesi in campo
Renzi ha ribadito le ragioni del Sì: “Se vince – ha detto – una delle conseguenze è che ci sarà un risparmio importante perché si ridurranno gli stipendi dei consiglieri regionali, si elimineranno i rimborsi ai gruppi al Senato e che oggi prendono il Pd, i Cinque stelle, Forza Italia. Ci sarà un fondo di 500 milioni di euro che sarà messo a disposizione delle nuove povertà. Prima  i cittadini, dalla benzina alle sigarette, erano considerati i bancomat dei politici. Se passa il referendum la cinghia la stringeranno i politici. Capisco che la gente mi dica: come sei demagogico. Ma se 500 milioni dalla politica passano alla povertà, sono più contento”. 

Torna ancora d'attualità la polemica con l'Anpi: “Al presidente dei partigiani dirò che ci sono dei partigiani che votano no, ci sono dei partigiani che votano sì e grazie ai partigiani c'è la democrazia di vedere chi avrà un voto in più. Ringrazierò i partigiani per quello che hanno fatto 70 anni fa, vorrei scrivere la storia dei prossimi anni. Tenere viva la memoria di quella del passato, ma scrivere la storia dei prossimi anni”. Sulla legge elettorale, ha aggiunto il premier, “chiederemo agli altri partiti delle opposizioni quali sono le loro idee, altrimenti è una discussione surreale. Per me - ribadisce - l'Italicum è un'ottima legge elettorale, se qualcuno ha delle idee migliori che le tiri fuori”. Quanto alle ipotesi sulla data della consultazione, di sicuro se ne riparlerà almeno a novembre. Le domeniche che cadono nel 20 e 27 del mese sono due delle date più probabili. In ogni caso, la data del referendum sarà fissata in una domenica compresa tra il 50mo e il 70mo giorno successivo all'emanazione del decreto di indizione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]