Nuovo equipaggio sull'Iss, per "Principia" un russo, un americano e il primo inglese

16 dicembre 2015 ore 7:28, Micaela Del Monte
Nuovo equipaggio sull'Iss, per 'Principia' un russo, un americano e il primo inglese
Un americano, un russo e un inglese. Non è una barzelletta vecchio stile, ma il nuovo equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale.

Proprio ieri sera, intorno alle 20:58 (ora italiana) i tre astronauti hanno varcato la soglia di quella che per i prossimi 6 mesi sarà la loro casa orbitante. Il docking era avvenuto alle 18:33, esattamente sei ore e mezza dopo il lancio dal cosmodromo russo di Baikonur.  
Il vettore Soyuz FG incaricato di portare in orbita la navetta Soyuz TMA-19M con a bordo il cosmonauta Yuri Malenchenko (Roscosmos, comandante della Soyuz) e gli astronauti Tim Kopra (NASA) e Tim Peake (ESA) si era staccato dalla sua rampa di lancio nella steppa kazakha esattamente alle 12:03.
 
Il 'soggiorno' di Peake, Kopra e Malenchenko sulla ISS durerà sei mesi, fino all'inizio di giugno. Insieme ai compagni già in orbita effettueranno numerosi esperimenti di biologia, fisica, biotecnologia e scienze della Terra.

L'arrivo sull'ISS di ieri è stato storico sopratutto per Peake visto che è il primo britannico a raggiungere lo Spazio per conto dell'Esa e fa parte dello stesso team di astronauti europei cui fanno parte gli italiani Samantha Cristoforetti e Luca Parmitano.. I suoi sei predecessori avevano infatti volato per la NASA o per Roscosmos. Peake per la verità è il secondo cittadino inglese ad andare in orbita, perché nel 1991 venne inviata in orbita la ricercatrice Helen Sharman, per otto giorni sulla stazione spaziale russa Mir. Ma la Sharman, un chimico inviato in orbita per effettuare alcuni esperimenti scientifici, non era un astronauta di professione, ma una sorta di “passeggero pagante”. In ogni caso, con quel volo, la ricercatrice inglese acquisì il titolo di astronauta. 
 
La sua missione è stata battezzata 'Principia' dalla celebre opera "Naturalis Principia Mathematica" di Isaac Newton. Sarà anche l’ottavo astronauta dell’ESA a svolgere una missione di lunga durata, mentre Malnchenko e Kopra invece sono due veterani: ambedue già protagonisti di “passeggiate spaziali”. 

La crew partita ieri 'dà il cambio' a Kjell Lindgren (NASA), Oleg Kononenko (Roscosmos) e Kimiya Yui (JAXA), i tre ingegneri di volo dell’Expedition 45 rientrati sulla Terra venerdì scorso (11 dicembre) a bordo di una Soyuz TMA-17M. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]