Scontro Lav-ministero: "Vogliono abbattere i lupi". "Non è vero"

16 febbraio 2016 ore 9:36, Adriano Scianca
Scontro Lav-ministero: 'Vogliono abbattere i lupi'. 'Non è vero'
Il ministero autorizza l'abbattimento dei lupi. Anzi no. È scontro tra ministero dell'Ambiente e Lega antivivisezione, dopo che negli ultimi tempi si è fatto registrare un aumento delle presenze del predatore tale da causare danni e pericoli anche agli insediamenti umani. La Lav denuncia quindi che "il ministero dell'Ambiente e la Conferenza delle Regioni si apprestano a varare il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo che, dopo ben 45 anni, consentirà gli abbattimenti di lupi e ibridi e renderà addirittura possibile dare la caccia e uccidere i cani vaganti, contro il divieto fissato per legge nel 1991". 

L'associazione ambientalista critica il piano "predisposto per la gestione del lupo, ma che di fatto sconfina nella gestione del randagismo, con la previsione di 'soluzioni finali' anche per i cani, cosa assolutamente vietata nel nostro ordinamento che riporta indietro l’Italia di mezzo secolo". Il ministero dell'Ambiente, invece, fa sapere che "nella bozza di Piano nazionale sulla gestione e la conservazione del lupo in Italia non è prevista alcuna quota di abbattimenti autorizzati a priori: è fissata piuttosto con criteri scientifici una precisa autolimitazione al prelievo, un confine massimo invalicabile di 60 lupi calcolato dagli esperti per garantire una soglia di assoluta sicurezza rispetto all'impatto sulla popolazione. E in nessun punto nel Piano d'azione si fa riferimento all'abbattimento di cani-lupo e cani randagi, né all'interno delle aree protette né al di fuori". 

Secondo il dicastero "è previsto dal testo che, nel quadro di un insieme di misure volte a migliorare lo stato di conservazione del lupo, il ministero potrà autorizzare deroghe al divieto di prelievo, secondo quanto già previsto dalla direttiva 'Habitat' e dal decreto 357 del 1997 che recepisce l'atto europeo, ponendo però allo stesso tempo una serie di prescrizioni ancor più stringenti rispetto alla normativa vigente".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]