Ci siamo: Simeone al Chelsea blinda Allegri alla Juventus

16 febbraio 2016 ore 17:10, Andrea De Angelis
Sembrava che Londra volesse optare per un allenatore italiano, ma una notizia dell'ultima ora sembra mostrare il contrario. Nulla di ufficiale, ci mancherebbe. Eppure in Spagna si dicono sicuri. 

Lo hanno esonerato a dicembre, uno "special esonero" per lo special one. Il divorzio tra Chelsea e Mourinho ha riempito le pagine dei quotidiani sportivi di mezzo mondo. Ma come, proprio lui? La stagione della squadra inglese è imbarazzante per una società abituata a lottare per lo scudetto: la vetta è decisamente più lontana dell'ultimo posto e neanche l'Europa League sembra alla portata di John Terry e compagni. 
Così a Londra avrebbero deciso: puntare di nuovo su un italiano. Dopo Ancelotti dunque, che a Londra vinse lo scudetto nel 2010 stabilendo anche il record di reti realizzate, ben 103. Anche l'iniziale è la stessa e in entrambi i casi si tratterebbe, laddove l'affare dovesse andare in porto, di un ex bianconero. Stiamo parlando infatti di Massimiliano Allegri, il Max del calcio italiano tante volte accostato alla panchina azzurra e ora in procinto di tentare la sua prima esperienza all'estero. Se ha fallito Mourinho, avranno pensato a Londra, tanto vale provare con uno che all'estero non ha mai allenato. Allegri infatti esordì nell'Aglianese, poi Spal, Grosseto, Udinese, Lecco e Sassuolo prima di arrivare a Cagliari. Qui attirò le attenzioni del Milan, chiamato a sostituire proprio Ancelotti che quell'anno passò al Chelsea. 
Lo stesso Allegri ha però smentito prontamente le voci, dicendosi seccato e sottolineando come nella sua testa ci sia solo la Juventus. Non può negare però l'ex rossonero che le quindici vittorie consecutive in campionato (l'ultima con il Napoli capolista e ora secondo a una lunghezza dai bianconeri) lo stanno avvicinando a più di una panchina all'estero. Blindate infatti quelle di Sarri a Napoli e di Spalletti a Roma, appare improbabile un suo ritorno a Milano (anche se l'Inter potrebbe farci un pensierino). 

Chi andrà dunque al Chelsea? Dalla Spagna infatti, proprio in queste ore, circolerebbe una notizia che sa di clamoroso: Diego Pablo Simeone avrebbe trovato l’accordo con la società londinese e a giugno sarebbe pronto a trasferirsi in Inghilterra. A dare questa notizia è il sito spagnolo okdiario.com, che già scrive dello stipendio che percepirà l’allenatore dell’Atletico Madrid nella prossima stagione: 12 milioni di euro, il doppio di quanto prende attualmente. Simeone sulla sponda meno vincente di Madrid è riuscito a conquistare Europa League, Supercoppa Europea, Coppa del Re, Supercoppa di Spagna, Liga ed ha disputato una finale di Champions League. Insomma, ha scritto letteralmente la storia di questo club. 
Quarantacinque anni ad aprile, Simeone ha debuttato diciassettenne nel Vélez Sarsfield, chiudendo in Argentina la sua carriera (2006) con la maglia del Racing Club. Nel mezzo "solo" Spagna e Italia: Siviglia e Atletico Madrid da una parte, Pisa, Inter e Lazio dall'altra. Da allenatore ha iniziato proprio con il Racing Club prima di passare, sempre in Argentina, alla guida di Estudiantes, River Plate e San Lorenzo. Nel 2011 approda in Sicilia alla guida del Catania, quindi nuova, breve parentesi al Racing prima di arrivare, nel 2011, all'Atletico Madrid. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]