Sanità trasparente, ecco il Disclosure Code. Lorenzin: "Vera arma contro opacità"

16 giugno 2016 ore 20:11, Andrea Barcariol
Rivoluzione nella Sanità, in nome della trasparenza. Dal 30 giugno sui siti delle aziende farmaceutiche in Italia (ed in altri 32 Paesi europei) appariranno i compensi dati per ricerche, consulenze, congressi e seminari ai singoli medici e società scientifiche. Si chiamerà Disclosure Code, deriva direttamente dal Codice Efpia sulla trasparenza, ed è stato presentato presso l'Auditorium del ministero della Salute, alla presenza del ministro Beatrice Lorenzin.
"Già oltre sette medici su dieci hanno firmato il consenso alla pubblicazione dei dati relativi al 2015 e puntiamo entro un anno ad avere il cento per cento di adesioni: se non vi fosse consenso, dovuto per la legge sulla privacy, i dati saranno inclusi in forma aggregata" ha detto il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, alla presentazione del codice di trasparenza (Disclosure Code) insieme alla Federazione Ordini dei medici, (Fnomceo), rappresentata da Cosimo Nume, responsabile nazionale area comunicazione e presidente Omceo di Taranto. "E' una svolta epocale - ha detto Scaccaborozzi -  anche se il nostro codice etico interno già è assai avanzato in tema di conflitto di interesse", mentre la Lorenzin ha sottolineato l'importanza della trasparenza come "principio ispiratore delle nostre azioni, nell’interesse pubblico, per instaurare un rapporto franco con i cittadini, non in chiave inquisitoria, ma rendendo plastici i rapporti fra istituzioni pubbliche e private. È la vera arma contro qualsiasi forma di opacità, da quelle più innocue a quelle che portano a fenomeni distorsivi". Anche lo scorso 6 aprile, durante la prima giornata nazionale contro la corruzione nella sanità, la Lorenzin aveva posto l'accento su questo tema: "Sono convinta che il grande strumento contro la corruzione sia la circolazione, la condivisione e dunque la trasparenza dei dati. Il Disclosure Code è in linea con il lavoro fatto con il presidente Raffaele Cantone sull’anticorruzione, su cui applichiamo protocolli da mesi".

Sanità trasparente, ecco il Disclosure Code. Lorenzin: 'Vera arma contro opacità'
In pratica, i cittadini potranno accedere ai dati sui rapporti di natura economica e scientifica tra chi cura e chi produce farmaci e innovazione. "Insieme a Farmindustria la Federazione ha avviato da mesi una campagna di comunicazione sul Disclosure code. Ovviamente l’adesione dei medici alla pubblicazione del proprio nominativo sarà vincolata al consenso di ciascuno, e quindi in caso di diniego l’azienda pubblicherà il dato aggregato, ma l’auspicio di imprese e Federazione è che d’ora in avanti l’obiettivo trasparenza sia più a portata di mano" - ha spiegato Cosimo Nume, responsabile comunicazione Fnomceo.
 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]