Allarme "Paese moribondo", la Lorenzin invoca il raddoppio del bonus bebè

16 maggio 2016 ore 15:02, Micaela Del Monte
Il rischio è quello di un crac demografico, la soluzione potrebbe essere quella del raddoppio del bonus bebè. "160 euro primo figlio, 240 il secondo, e se l'Isee è più basso fino a 320 euro", così il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha rilanciato ieri a Porta a Porta, soluzione questa che vorrebbe inserire nella prossima legge di stabilità.

E nonostante da Palazzo Chigi già mettano le mani avanti, dichiarando che l'ipotesi del raddoppio sia, allo stato, solo una delle proposte in campo, il progetto è comunque allo studio del ministero. "I dati che abbiamo avuto quest'anno sono sconfortanti, siamo a 480mila bambini nati" e se andiamo avanti così dice la Lorenzin "il Paese muore. Dobbiamo fare una cura choc". I numeri parlano chiaro: rispetto al 2010 le nascite si sono abbassate del 40% che equivalgono a 66mila nascite, rivela la ministra "cioè per intendersi una città più grande di Siena. Se leghiamo tutto questo all'aumento degli anziani e delle malattie croniche, abbiamo il quadro di un Paese moribondo". Un progetto che costerebbe allo Stato circa 2,2 miliardi in più controbilanciato da un miliardo di euro di risparmio rispetto alle previsioni a causa del calo delle nascite.

Allarme 'Paese moribondo', la Lorenzin invoca il raddoppio del bonus bebè
Parallelamente, al ministero stanno lavorando anche a una proposta definita più forte e che darebbe una risposta più corposa all'emergenza: alzare la soglia massima Isee a 30mila euro all'anno, allargando la platea con 60mila copie in più rispetto a ora e dare un sostegno più alto, 320 euro al mese, a chi presenta un indicatore di ricchezza sotto i 7mila euro. Le misure al vaglio però, ha spiegato la stessa Lorenzin in una intervista a Repubblica, riguardano anche i servizi, asili nido, "ma anche un sostegno al reddito per comprare pannolini, latte, le cose necessarie".

Il sostegno alla proposta arriva anche dal ministro per gli Affari regionali con delega alla Famiglia, Enrico Costa: "Potenziare e rafforzare il bonus bebè rappresenta la direzione giusta e una misura-chiave per riavviare il motore delle nascite in Italia". Secondo il ministro infatti, "la coperta è corta, ma la famiglia è la priorità e le risorse vanno trovate". Valentina Castaldini, portavoce nazionale del Nuovo Centrodestra, invita il Parlamento a sostenere "questa importante proposta" e Paola Binetti sottolinea come si tratti di "segnali positivi che non possono essere ignorati. L'idea di un bonus bebè a 160 euro, al di là del fatto di sapere se sono tanti o pochi, rivela la volontà di raddoppiare una misura gia' varata, che investe non solo le fasce sociali più fragili, ma anche quelle con reddito medio-basso". Il deputato democratico Edoardo Patriarca giudica positivamente l'ipotesi, ma invita a studiare ogni percorso per introdurre anche in Italia una forma di fattore famiglia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]