Processo amianto, difesa: "Ecco documenti scartati che scagionano Olivetti"

16 maggio 2016 ore 21:12, Adriano Scianca
Colpo di scena al processo di Ivrea per le morti da amianto, che vede fra i 18 imputati i fratelli Carlo e Franco De Bendetti e l’ex ministro Corrado Passera. L'avvocato Tomaso Pisapia, difensore dell'ingegner Carlo De Benedetti, ha chiesto che il giudice, Elena Stoppini, acquisisca nuova documentazione che potrebbe minare il castello accusatorio. Richiesta che il giudice, al termine della giornata dibattimentale, ha deciso di accogliere. I nuovi documenti, secondo i legali, dimostrerebbero che l'Olivetti acquistava il talco non contaminato dalla società "Talco & Grafite Val Chisone". 

Processo amianto, difesa: 'Ecco documenti scartati che scagionano Olivetti'
Si tratta di una documentazione contabile catalogata in un archivio composto da oltre 14 mila scatoloni. La difesa ha concentrato la sua attenzione su tre documenti datati marzo 1978, 15 maggio 1981 e 15 settembre 1981 in cui si riporta l'acquisto di talco da parte dell'Olivetti. A questi s'aggiungono altri 101 documenti recuperati nell'Archivio Storico Olivetti. Documenti che secondo l'avvocato Tomaso Pisapia lo Spresal dell'Asl To4 non avrebbe preso in considerazione, oppure avrebbe scartato, durante le indagini. Eppure, sempre secondo gli avvocati, dimostrerebbero che il talco non contaminato da tremolite di amianto fu acquistato dall’azienda già nel 1978. Secondo i pm, invece, il talco contenente amianto non sarebbe stato sostituito fino al 1986. 

A causa di ciò, secondo l'ipotesi accusatoria, 14 lavoratori dell'Olivetti esposti al rischio dell'esposizione alla fibra killer contenuta nei materiali per la lavorazione - come appunto il talco - e nelle strutture dell'azienda che non furono tempestivamente bonificate si sarebbero ammalati. Di loro, 12 sono morti mentre i rimanenti 2 sono senza speranza di guarire. Al termine del dibattimento, dopo la lunga giornata riguardante le consulenze sugli assetti societari, il giudice ha stilato il calendario delle udienze. Si protrarranno fino al 18 luglio, giorno in cui ci saranno le sentenze.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]